Home Cultura

100 presepi a Roma

SHARE
presepe

Torna l’esposizione natalizia “100 Presepi”, fino all’8 gennaio in mostra la natività da ogni parte del mondo.

 

Si accendono le luci del Natale e anche quest’anno torna il consueto appuntamento con l’esposizione internazionale “100 Presepi”, la mostra organizzata dalla Rivista delle Nazioni e inaugurata lo scorso 25 novembre alla presenza di diverse autorità istituzionali ed ecclesiastiche nelle suggestive Sale del Bramante, presso la Basilica di Santa Maria del Popolo. La mostra è giunta alla sua trentaseiesima edizione e da anni accompagna l’intero periodo delle feste natalizie nella Capitale, consolidando nel corso del tempo la sua importanza come rassegna d’arte presepiale grazie all’impegno per la promozione di questa antica tradizione in Italia e nel mondo. L’iniziativa è dedicata agli appassionati delle tradizioni natalizie e non solo, e nonostante il nome dica 100, è bene ricordare che in esposizione per il pubblico ci saranno oltre 200 presepi realizzati da artisti e artigiani provenienti da diversi Paesi di Europa, Asia, Africa e America Latina, oltre a molti altri tradizionali e alcuni più moderni dal nostro Paese. Nelle tre sale di esposizione, divisi per categorie e organizzati attraverso un percorso cronologico che accompagna il visitatore a fruire di ciascuna opera, troviamo presepi di forme, ambientazioni e materiali più inediti, dai presepi antichi del Seicento, a quelli realizzati con materiali in disuso di macchine e televisori, oppure con fiammiferi, pasta, o pane, provenienti anche da musei e collezioni private, o realizzati da enti, scuole, e associazioni culturali operanti nel sociale. La rassegna “100 Presepi” è la più importante a livello nazionale, sarà visitabile tutti i giorni (inclusi i festivi) fino all’8 gennaio 2012, ed è realizzata con il patrocinio dell’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, CEI, Pontificium Consilium di Cultura, con l’ausilio di Senato, Camera, e del Ministero dei Beni Culturali, Regione Lazio, Provincia e Comune di Roma.

Michela Romoli

 

SHARE