Home Cultura

Aleksandr Rod?enko: arte all’avanguardia

SHARE

A Palazzo delle Esposizioni una mostra che celebra Aleksandr Rod?enko, uno dei maggiori esponenti dell’avanguardia russa del XX secolo

Dall’11 ottobre fino all’8 gennaio 2012 al Palazzo delle Esposizioni di Roma, l’appuntamento è con un’altra grande mostra di questo autunno romano il cui protagonista è il fotografo e pittore russo Aleksandr Rod?enko, uno dei maggiori esponenti dell’Avanguardia Russa del XX secolo, quel fenomeno che partendo dall’Unione Sovietica modificò la cultura internazionale arrivando fino ai nostri giorni. In esposizione per il pubblico ci saranno circa trecento opere dell’artista tra cui fotografie originali, fotomontaggi e stampe vintage, accuratamente scelte tra gli archivi familiari e il Moscow House of Photography Museum, dove è custodita gran parte della produzione artistica di Rod?enko. Il costruttivismo russo ha trovato espressione in molte forme dal teatro al cinema, dalla fotografia alla grafica e al design, creando grandi artisti che con la loro energia creativa sono stati capaci di aprire nuovi percorsi, come nel caso di Rod?enko, le cui immagini raccontano il regime russo di quegli anni grazie all’uso di un metodo grafico fatto di composizioni diagonali, sfocati progressivi, e inversioni orientative che porta il suo nome, ed è ancora oggi imitato e fonte di ispirazione. L’artista sovietico ha iniziato a dedicarsi alla fotografia ed alla tecnica del fotomontaggio nei primi anni venti, venendo anche a contatto con personaggi come Eisesntein e Dziga Vertov, ma l’influenza delle critiche al suo percorso di sperimentazione da parte del regime, portarono Rod?enko ad accantonare in parte il suo modo di fare fotografia per aderire ai principi del Realismo Socialista. La mostra, curata da Olga Sviblova e organizzata dal Museo Casa Mosca della Fotografia, è stata promossa da Roma Capitale – Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico; dall’Azienda Speciale Palaexpo e dalla Fondazione Roma, in collaborazione con, 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE.

Michela Romoli

SHARE