Home Cultura

Cento pittori a via Margutta 2009

SHARE
vdfvdfv

Ai nastri di partenza la celebre mostra “Cento Pittori Via Margutta” che si svolgerà dal 29 aprile al 3 maggio: la strada si trasformerà in una affascinante galleria d’arte a cielo aperto con più di tremila opere tra dipinti a olio, disegni, acquarelli, sculture provenienti da tutto il mondo. La tradizionale kermesse , nata nel 1953, raggiunge la sua ottantunesima edizione tra innovazione e storia. L’associazione Cento Pittori Via Margutta ospita artisti internazionali e nuovi talenti; la  manifestazione è in collaborazione con il Comune di Roma, la Regione Lazio e la Provincia di Roma che insieme vogliono rendere più vivo il cento storico.I cento pittori sono tutti caratterizzati da una propria tecnica artistica che va dall’astrattismo, passando anche per la ritrattistica, la paesaggistica, il simbolismo e il surrealismo.  Una novità di questa edizione sarà la presenza di un maggior numero di scultori rispetto al passato e di Frans, “il pittore dell’aria” che dipinge con un particolare strumento che è l’areografo. La partecipazione è stata limitata a molti giovani talenti come ha ha affermato il Presidente dell’Associazione Alberto Vespasiani:” La valanga di domande che ci è giunta da tanti giovani emergenti ci ha resi particolarmente orgogliosi e ci ha in parte ripagato degli sforzi che da sempre facciamo per garantire la prosecuzione della tradizionale esposizione. Ci è dispiaciuto non essere riusciti ad accontentare tutti in quest’occasione, ma non potevamo fare altrimenti: da un confronto con i rappresentanti della strada sono, infatti, emerse esigenze che ci hanno obbligato a ridurre il numero di cavalletti. Tuttavia sapere che tra le aspirazioni della maggior parte di questi ragazzi c’è quella di esporre insieme agli artisti di Via Margutta ci spingerà ad incrementare il nostro impegno anche in questo senso affinché lo spazio a disposizione dei colleghi più giovani possa aumentare sensibilmente quanto prima senza andare a discapito dei colleghi più anziani”.
Sono invitati all’inaugurazione il Sindaco di Roma, Gianni Alemanno, l’Assessore alla Cultura, Umberto Croppi, il Presidente del I Municipio, Orlando Corsetti, il Presidente della Commissione Cultura del Campidoglio, Federico Mollicone. Sono inoltre previsti molti ospiti tra i quali gli esponenti del FAI, Fondo Ambiente Italiano e di Emergency e anche il Presidente della Fondazione Internazionale Kepha, Monsignor Patrizio Benvenuti. Madrina d’eccezione Barbara Bouchet, attesa a partire dal pomeriggio del 29 aprile alle ore 18.00: l’attrice è da tempo un’apprezzata pittrice grazie a opere realizzate con tecniche miste e colori accesi. “Ho apprezzato molto – ha detto la Bouchet – l’invito a prendere parte con i miei lavori a un evento significativo come l’esposizione dei Cento Pittori di Via Margutta anche perché questo gesto mi ha dimostrato che la stima che nutro nei confronti di questa storica associazione è reciproca”.
Accanto ai cavalletti dei celebri pittori saranno ospitate anche opere realizzate tramite la sessione “pittura dal vero”, svoltasi il 18 e 19 aprile al Parco Villa Gregoriana a Tivoli. Lo scopo dell’iniziativa è stato quello di far conoscere questo meraviglioso parco e concorrere a diffondere la conoscenza delle attività del FAI che da oltre trent’anni promuove il rispetto della natura, dell’arte, della storia.  Significativo anche il contributo che l’Associazione ha scelto di dare al Centro di Maternità realizzato da Emergency ad Anabah, in Afghanistan che offre assistenza sanitaria gratuita. Circa cento quadri dell’Associazione Cento Pittori Via Margutta saranno ceduti ad un prezzo simbolico (120 euro/caduno) ed il ricavato verrà devoluto ad Emergency per sostenere il Centro Maternità. “Sono fiero di poter dire – ha precisato Alberto Vespaziani – che, ancora una volta, l’adesione dei pittori di Via Margutta a progetti finalizzati sia alla promozione e alla tutela dell’arte sia alla solidarietà tra i popoli si è rivelata di gran lunga superiore a qualsiasi aspettativa. Quello che mi auguro ora è che il nostro pubblico, quello che vive nei giorni di mostra questa strada e che – riconoscendo il valore dell’arte – non può essere insensibile ai valori che la contraddistinguono, non ci deluda e riesca a dare una risposta adeguata alla sensibilità dimostrata dagli artisti.”
La mostra rimarrà aperta tutti i giorni dalle ore 10.00 alle ore 21.00. Ingresso gratuito.

Arianna Adamo

SHARE