Home Cultura Cinema

Festival Internazionale del Film di Roma: seconda giornata

SHARE
2013-11-09 16.12.11

È il momento di Dallas Buyers Club e Las Brujas de Zugarramurdi

 

E così anche la seconda giornata di festival è trascorsa lasciando non poche soddisfazioni a giornalisti e pubblico che ha potuto godere delle parole di John Hurt (come già accennato ieri) grazie all’incontro curato da Mario Sesti. Ha potuto assistere alla visione di un ottimo film, Dallas Buyers Club, del canadese Jean-Marc Vallée, con due attori del calibro di Matthew McConaughey e Jared Leto. Ha potuto ridere di gusto e meravigliarsi per la nuova pellicola del regista spagnolo Alex de la Iglesia intitolata “Las brujas de Zugarramurdi”. E poi ancora la proiezione del documentario “Un italiano nel mondo” di Vera Gemma, la figlia di Giuliano Gemma recentemente scomparso a causa di un tragico incidente e i due film in concorso Manto Acuifero di Michael Rowe e I Am Not Him di Tayfun Pirselimoglu. Ma andiamo con ordine.

Dallas Buyers Club racconta la vera storia di un cowboy texano omofobo che nel 1985, dopo aver contratto il virus dell’Hiv, andò contro la Food and Drug Administration americana usando e contrabbandando medicine alternative a quelle approvate ufficialmente come l’AZT.
Iniziato come un modo per fare soldi illegalmente e andare contro il sistema, la sua divenne una causa sostenuta da molti malati di Aids. Un film dallo stile classico, biografico, ma che non scade eccessivamente nel buonismo e che vanta due interpretazioni di altissimo livello. Jared Leto è stata la star della serata di ieri, attesissimo da molti dei suoi giovani fan che lo seguono forse più per la sua carriera musicale che quella cinematografica, ha dimostrato ancora una volta di avere un grande talento e di saper scegliere i film giusti.

Ma la vera sorpresa è stata sicuramente Las Brujas de Zugarramurdi, ovvero “le streghe di Zugarramurdi”, del regista rivelazione spagnolo Alex de la Iglesia. Il quarantottenne originario di Bilbao, ha realizzato uno dei film più divertenti degli ultimi anni, partendo da una semplice constatazione che ha comunicato prima della proiezione al pubblico presente in sala: “le mogli sono terribili e gli uomini sono solamente degli schiavi nelle loro mani, a volte sanno essere veramente stupidi e io ne sono l’esempio perfetto”. Giocando sulla buffa, eterna, guerra tra uomo e donna (un elemento già di per sé comico), il regista inserisce questa lotta in una grottesca storia di stregoneria, realizzando quindi un vero e proprio film horror (in alcuni momenti veramente inquietante) così estremizzato da essere esilarante.
Oggi alle 17 e 30 Alex de la Iglesia incontrerà il pubblico dell’Auditorium e noi siamo estremamente curiosi di ascoltare cosa ha da dire di questo film così originale. Restate sintonizzati!

Marco Casciani