Home Cultura Cinema

Florence, il nuovo film di Stephen Frears

Tutto molto bello (e, a voler essere onesti, anche molto semplice)

SHARE

Prendi due “attoroni”, distribuisci loro un copione divertente e originale e aspetta la cerimonia dei premi Oscar per incassare qualche premio. Meryl Streep (che di statuette dorate se ne intende, avendone già vinte tre) e Hugh Grant si caricano letteralmente il film sulle spalle e portano a casa una commedia leggera, gradevole e colorata. La storia è quella di Florence Foster Jenkins, ricca ereditiera che divenne, suo malgrado, famosa nei primi anni del Novecento per le sue pessime doti canore: a cavallo tra le due guerre mondiali le sue esibizioni deliziarono l’alta borghesia statunitense, letteralmente rapita dalla convinzione di una soprano così convinta di doti del tutto inesistenti. L’adattamento di Stephen Frears (già regista di “Alta Fedeltà”, “The Queen” e di “The Program”, il biopic sul controverso ciclista Lance Armstrong) è la viva istantanea di un’epoca di bollicine e paillettes, un ricordo spensierato di giornate felici e canzoni stonate, un sicuro biglietto per una presenza da protagonisti al Dolby Theater di Los Angeles per i prossimi Academy Award.

Regia: Stephen Frears

Sceneggiatura: Nicholas Martin

Interpreti: Meryl Streep, Hugh Grant, Simon Helberg, Rebecca Ferguson, Nina Arianda, John Kavanagh, David Haig, Brid Brennan, Stanley Townsend, Christian McKay

(UK, FRA 2016)

Simone Dell’Unto