Home Cultura Cinema

Lo chiamavano Jeeg Robot

SHARE
cinema 136 - lo chiamavano jeeg

L’eroe (di borgata), l’affascinante antieroe e la principessa indifesa

Chi l’avrebbe mai detto che il cinema italiano potesse ammiccare ai grandi film hollywoodiani incentrati sulla figura del supereroe e del suo cattivissimo antagonista, pur mantenendo intatti alcuni lati distintivi del Bel Paese e, in particolare, della Roma di periferia? Lo chiamavano Jeeg Robot è infatti una brillante commistione di più generi, mixati sapientemente insieme, in un esperimento esaltante e gradevolissimo, che difficilmente può non essere apprezzato. L’eroe di borgata (Claudio Santamaria), l’antieroe affascinante e spietato (Luca Marinelli), la “principessa” indifesa e di buon cuore (Ilenia Pastorelli) interagiscono in un efficace triangolo narrativo in cui capo e coda ben si incastrano nel dogma della fabula e dell’intreccio. Il film ha da poco fatto incetta di premi al David di Donatello, con ben 7 statuette conquistate

Regia: Gabriele Mainetti
Sceneggiatura: Nicola Guaglianone, Menotti
Interpreti: Claudio Santamaria, Luca Marinelli,Ilenia Pastorelli, Francesco Formichetti, Salvatore Esposito, Antonia Truppo, Stefano Ambrogi, Maurizio Tesei, Gianluca Di Gennaro, Daniele Trombetti
ITA 2015

Serena Savelli