Home Cultura Cinema

Poveri ma belli

SHARE

Delicata rappresentazione corale di uno spaccato della gioventù italiana degli anni ’50.
Roma si pone al centro di un mondo fanciullesco e innocente, in cui il peccato d’amore si cela dietro baci rubati sulle sponde del Tevere. Visto con occhi contemporanei il film assume una connotazione sociologica, mostrando una generazione di ventenni spacconi e ingenui, modelli perfetti di un’Arcadia metropolitana in cui il tempo sembra condannato a trascorrere eternamente nelle balere e tra le mura domestiche a lottare con genitori dalla mentalità troppo arretrata. Sostanzialmente nulla di diverso dai contemporanei, non fosse che nel loro caso trapela un totale distaccamento dalla realtà che comporta una conseguente mancanza di cattiveria, tale da renderli innocui Peter Pan, paladini della (pen)isola che non c’è (più).

Regia: Dino Risi 
Sceneggiatura: Dino Risi, Pasquale Festa Campanile, Massimo Franciosa
Interpreti: Renato Salvatori, Maurizio Arena, Marisa Allasio, Lorella De Luca, Alessandra Panaro, Memmo Carotenuto, Rossella Como, Virgilio Riento, Ettore Manni, Aldo Valletti, Mario Carotenuto, Gildo Bocci, Ughetto Bertucci, Nino Vingeli, Erminio Spalla

(ITA 1957)

Simone Dell’Unto