Home Cultura

GLI EROI DIMENTICATI DI PAOLO CHIASERA

SHARE
Presso le Sale Panorama del MACRO, dedicate ai giovani artisti, viene esposto il nuovo lavoro di Paolo Chiasera, promettente  artista bolognese che ha intitolato il suo ultimo progetto "Forget the Heroes"

Forget the Heroes: dimenticare gli eroi. Questo è il messaggio che vuole far partire Paolo Chiasera attraverso la sua personale al MACRO, basata sulla trasformazione delle teorie di quattro importanti personaggi che hanno influenzato il ?900: Adam Smith per l?economia, Le Corbusier per l?urbanistica, Seymour Cray per l?informatica e Noam Chomsky per la linguistica.
Smith creò le basi dell’economia politica liberista nel ‘700, Le Corbusier ideò, nei primi del ‘900, il piano urbanistico di 3 milioni di abitanti su un’attenta separazione degli spazi, Seymour Cray progettò il supercalcolo utilizzato attualmente nelle animazioni video e Noam Chomsky fu il fondatore della grammatica generativo-trasformazionale, basata sulla conoscenza innata dell?uomo dei principi universali che regolano la creazione del linguaggio.
In linea quindi con l?obiettivo di sostenere e promuovere l?arte emergente, le due sale situate al primo livello del museo ospiteranno quattro video proiettati simultaneamente in loop e la ricostruzione dell? ?officina dell?artista?.
Attraverso il suo lavoro Chiasera vuole affermare che le le teorie espresse da Smith, Le Corbusier,  Cray, Chomsky, seppur valide e fondate, nel momento in cui si scontrano con le diverse realtà culturali, economiche, sociali che sono regolate da leggi in continua evoluzione, smarriscono la strada indicata dal postulato di partenza, generando perdita di controllo e conseguenze inattese.
L’artista stesso ha affermato:"Io non ho interesse per l’uomo ma solo per il suo superamento. Sia questo nel fallimento o nella sua avvenuta rinascita in significante. Mi interessa il patologico e non il sociale. Della massa non mi interesso per nulla al momento. Il soggetto mi interessa solo quando tenta di esplodere come un kamikaze o implodere come Gregor Samsa, per il resto non mi occupo di lui. Tutto ha a che fare con l’ego e con il suo superamento. Mi interesso solo del disfacimento del concetto di soggetto e del processo che posso trarne."

Dal 30 Maggio al 31 Agosto
martedì – domenica dalle 9.00 alle 19.00
MACRO, Via Reggio Emilia 54
Biglietto: ? 1,00  
Tel. 06 671070400

Marco Casciani

SHARE