Home Cultura

In arrivo il Roma Fringe Festival

SHARE
fringe2015

Teatro, cultura e grandi eventi all’ombra di Castel Sant’Angelo

IL FESTIVAL – Il Roma Fringe Festival si prepara a invadere l’estate romana con colori, performance, installazioni, teatro, cultura e grandi eventi. Il tutto all’ombra di uno dei monumenti più visitati d’Italia e del mondo: Castel Sant’Angelo. In collaborazione con Romexpo – che porterà eventi dedicati alla Green Technology e agli scambi internazionali – il Roma Fringe parte il 30 maggio con una grande festa in compagnia di tutti i protagonisti del festival, della collecting degli Artisti 7607, le installazioni di Aracne e tanti ospiti a sorpresa.

LA SERATA D’APERTURA – Un’invasione di colori e vivacità, visioni e musica che partirà alle 20.30 da Piazza Adriana con la Fringe Parade, fino ad arrivare ai giardini di Castel Sant’Angelo. Artisti, giocolieri, performer e musici, aperti dalla banda Sambarato in collaborazione con #TuttoATorPigna – in un incontro tra centro e periferia, culturale e urbana – sfileranno da Palazzo di Giustizia fino ai viali circostanti la Mole Adriana. Alle 21.30, sul Palco A presentazione ufficiale del Romexpo Roma Fringe Festival 2015 con istituzioni e organizzatori, e poi via agli spettacoli e alla serata di festa con gli Artisti 7607 – la collecting fondata da oltre mille attori italiani tra cui Cinzia Mascoli, Elio Germano, Neri Marcorè, Claudio Santamaria, Elda Alvigini, Alberto Molinari, Carmen Giardina, Marco Cocci – che si alterneranno sul palco tra musica e pezzi di teatro. Non solo musica e performance, ad aprire le danze del Romexpo Roma Fringe Festival il 30 maggio, ci sarà anche l’arte contemporanea di Aracne con le installazioni di “Paradise Lost Expo”, omaggio all’omonimo poema di John Milton: dal verso libero di un moralista inglese di 350 anni fa alla cultura italiana di questo tempo con opere di Valerio Giacone, Mattia Merusi, Kristina Milakovic, Gioppo Croci, MAD, Marco de Rosa, Matteo Lippera, Vincent Wood, Giulia Brena, Carlotta di Felice, Beatrice Marchi, Paolo Stefanelli.

SHARE