Home Cultura

La notte tricolore di Roma

SHARE

La notte tra il 16 e il 17 marzo 2011 Roma diventa teatro della grande Festa Nazionale per i 150 anni dell’Unità d’Italia con concerti, spettacoli teatrali, animazioni di strada, letture, illuminazioni, proiezioni, fuochi pirotecnici e lectio magistralis.


Da un’Italia divisa in sette Stati, il 17 marzo 1861 il Senato e la Camera dei Deputati del Regno di Sardegna approvano la legge costitutiva dello stato unitario con cui «il Re Vittorio Emanuele II assume per sé e i suoi Successori il titolo di Re d’Italia». A 150 anni da questa storica data, una festa tricolore coinvolgerà le strade di Roma così come le maggiori città d’Italia.
Roma celebrerà la ricorrenza con i festeggiamenti della NOTTE TRICOLORE tra il 16 e il 17 Marzo 2011 che si articoleranno in concerti, spettacoli teatrali, animazioni di strada, mostre, letture, illuminazioni, proiezioni, fuochi pirotecnici e lectio magistralis. Tutte le iniziative saranno gratuite (tranne poche eccezioni segnalate nel programma).
L’evento è promosso da Unità Tecnica di Missione della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Comitato dei Garanti per le Celebrazioni del 150° Anniversario dell’Unità d’Italia, Roma Capitale, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Ministero della Difesa e Camera di Commercio di Roma, con il coordinamento organizzativo di Zètema Progetto Cultura, la collaborazione di Ferrovie dello Stato, il contributo di Finmeccanica e Gioco del Lotto e con il contributo tecnico di Atac, Il Messaggero, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato e Poste Italiane.
Bandiere e stendardi coloreranno le strade coinvolte nei festeggiamenti e alcune tra le vie principali della città e, con la collaborazione delle associazioni di categoria, anche gli esercizi commerciali vestiranno a festa le vetrine con locandine e bandiere. Ma, per rendere ancora più speciale la festa, tutta la cittadinanza è invitata ad esporre alle finestre, ai balconi, nei portoni e nei cortili il tricolore italiano.
Saranno aperti durante la sera e la notte musei, palazzi delle istituzioni, spazi di cultura e biblioteche nelle zone interessate dai festeggiamenti: Piazza del Campidoglio; Via XX Settembre e Via del Quirinale; Piazza Venezia e Via dei Fori Imperiali; Piazza dei Cinquecento (Stazione Termini) e Via Nazionale; Piazza Vittorio; Via Veneto; Corso Vittorio Emanuele fino a Castel S. Angelo; Trastevere; Via del Corso (da Piazza Venezia a Piazza Colonna). Nei PIT (Punti di Informazione Turistica) presenti in queste aree sarà possibile richiedere informazioni e ritirare il programma delle iniziative fino alle 2.00.
Apertura straordinaria anche per il Complesso Monumentale del Vittoriano (lato Ara Coeli) dove sarà possibile visitare la mostra “Alle radici dell’identità nazionale. Italia Nazione Culturale”, promossa da Roma Capitale e a cura di Marcello Veneziani. L’esposizione nasce con l’obiettivo di ricercare le radici della nostra nazione o, meglio ancora, della nostra “civiltà nazionale” intesa come sintesi millenaria di istanze culturali diverse.
Collaboreranno a rendere speciale la Notte Tricolore di Roma: il Senato della Repubblica, la Camera dei Deputati, il Ministero della Difesa, il Ministero dell’Economia e delle Finanze, il Ministero dello Sviluppo Economico e la Banca d’Italia con aperture straordinarie e visite guidate all’interno delle loro sedi; il Ministero per i Beni e le Attività Culturali che aprirà i musei di Palazzo Barberini, Castel Sant’Angelo, del Museo delle Terme di Diocleziano e il Teatro di Palazzo Altemps; la Provincia di Roma con l’apertura straordinaria Palazzo Incontro e degli Scavi di Palazzo Valentini; il Vicariato di Roma che aprirà le porte della Chiesa di S. Ivo alla Sapienza e, in collaborazione con il Fondo Edifici di Culto – Dipartimento per le libertà civili e immigrazione – Ministero dell’Interno, terrà aperte la Chiesa Nuova, dell’Ara Coeli, di Sant’Ignazio e di Sant’Andrea al Quirinale; la Comunità Ebraica di Roma con visitespettacolo all’ex Ghetto e al Museo Ebraico; le Orchestre della Sapienza Università di Roma e dell’Università di Roma3, l’Accademia Nazionale della Danza, l’Accademia Nazionale di S. Cecilia, il Teatro dell’Opera, il Teatro di Roma con concerti e spettacoli; l’Azienda Speciale PalaExpo con l’apertura straordinaria delle Scuderie del Quirinale; le Assicurazioni Generali con una spettacolare proiezione sulla sede di Piazza Venezia; l’Agis Anec Lazio con proiezioni cinematografiche, spettacoli
teatrali e performance; l’Ambasciata Svizzera, l’Ambasciata di Francia, l’Istituzione Biblioteche di Roma, le Gallerie d’Arte e gli spazi espositivi privati con aperture straordinarie ed eventi; l’ATAC che offrirà il “disco Bus Tricolore” con due dj set nel centro della città, l’esposizione del Tram Storico a Largo Argentina; TramBus Open che, in collaborazione con Acea, metterà a disposizione il “Tour Tricolore” gratuito sul 110 Open; infine la RAI che con tanti appuntamenti speciali e le dirette del 16 e 17 marzo contribuirà a rendere la festa ancora più diffusa.
Inoltre ospiteranno iniziative speciali il Sistema Musei Civici con i Musei Capitolini, il Museo di Roma in Trastevere, il Museo di Roma Palazzo Braschi, il Museo Napoleonico, il Museo dell’Ara Pacis, il Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco e i Mercati di Traiano, le Case tematiche di Roma Capitale con la Casa della Memoria e della Storia, la Casa delle Letterature, la Casa del Cinema, oltre alla Sala Santa Rita e all’Archivio Storico Capitolino. Quest’ultimo ospiterà le lectio magistralis “Storia e Controstoria dell’Unità” di Giordano Bruno Guerri e Marcello Veneziani.
La grande festa tricolore inizierà alle 19.00 a PIAZZA DEL CAMPIDOGLIO con il concerto della Banda dei Vigili Urbani. Dalle 20.00 alle 2.00 sarà possibile visitare gratuitamente Palazzo Senatorio e alle 20.00 partiranno le videoproiezioni a cura di Unità C1 che racconteranno la memoria storica del nostro paese attraverso le immagini. La sequenza di visioni sarà parte integrante dell’esibizione della JuniOrchestra Advanced dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, diretta dal M° Carlo Rizzari, con il soprano Rosa Feola e il baritono Sergio Vitale. Alle 22.15 Gigi Proietti e Umberto Broccoli saliranno sul palco per lo spettacolo “150 ma non li dimostra”.
Su volontà della Presidenza della Repubblica e in collaborazione con la RAI, alle 21.15 da PIAZZA DEL QUIRINALE partirà una diretta televisiva (che si concluderà alle 22) con la trasmissione di RAI UNO “150” condotta da Pippo Baudo e Bruno Vespa, durante la quale si alterneranno sul palco Fabrizio Frizzi, Gianni Morandi, Roberto Vecchioni e Giancarlo Giannini accompagnati da 200 elementi della JuniOrchestra Jung – diretta dal M° Simone Genuini – e dal Coro di Voci Bianche dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Da Piazza del Quirinale saranno lanciati i collegamenti con le principali città coinvolte nella Notte Tricolore. Per Roma la linea passerà alla STAZIONE TERMINI
dove, grazie alla collaborazione con le Ferrovie dello Stato, verrà seguita l’inaugurazione della Bandiera Monumentale che sarà issata su Piazza dei Cinquecento. I festeggiamenti della Stazione Termini inizieranno alle 21 con l’arrivo del primo “Treno Tricolore” in città e proseguiranno alle 22.00 con il concerto “Partire partirò” di Ambrogio Sparagna che eseguirà canti popolari risorgimentali con l’Orchestra Popolare Italiana dell’Auditorium Parco della Musica e con il Coro Popolare diretto da Anna Rita Colaianni.
VIA DEI FORI IMPERIALI accoglierà le suggestive proiezioni architetturali di Danny Rose sul prospetto dei Mercati di Traiano, lo spettacolo musicale “Toccata e Fuga”, una grande esibizione di danza su temi risorgimentali a cura dell’Accademia Nazionale di Danza, animazioni e teatro di strada e le proiezioni sul Colosseo del light designer svizzero di fama internazionale Gerry Hoffstetter. Sempre a firma di Hoffstetter saranno le proiezioni sulla facciata di Palazzo Massimo alle Terme e in Piazza della Repubblica, grazie anche alla disponibilità di Boscolo Hotels – Hotel Exedra.
VIA DEL CORSO sarà animata dal concerto dell’Orchestra Giovanile Monte Mario alla Galleria Alberto Sordi, da lettura dai “Promessi Sposi” in Piazza di Pietra a cura di Save the Children e la Rete G2- Seconde Generazioni, dall’illuminazione scenografica del Tempio di Adriano a cura della Camera di Commercio di Roma e, ancora, da bande militari, visite guidate e dalle proiezioni sulla facciata di Palazzo Wedekind, sede del quotidiano “Il Tempo”, creatività Roberto Malfatto/RMP_LAB, coordinamento Triumph Group.
La Notte Tricolore proseguirà alle 23.15 al VITTORIANO con il Concerto della Banda Interforze, realizzato in collaborazione con il Ministero della Difesa. Dopo l’esecuzione dell’Inno di Mameli, alle 24.00 il grande spettacolo pirotecnico dal Parco del Celio saluterà l’arrivo del 17 marzo in diretta su RAI UNO. Il Gruppo IX Invicta per l’occasione riproporrà “I fuochi all’italiana” dell’Ottocento caratterizzati da colori intensi e spettacolari coreografie.
Le celebrazioni andranno avanti nella giornata del 17 marzo con l’apertura del complesso monumentale di PORTA SAN PANCRAZIO e l’inaugurazione del Museo della Repubblica Romana e della Memoria Garibaldina che entrerà a far parte del Sistema Musei Civici ed approfondirà la storia, i luoghi e i personaggi della Repubblica Romana del 1849 e della memoria garibaldina. Nel percorso espositivo, oltre alle postazioni interattive, si alterneranno documenti, mappe, dipinti, giornali, incisioni e cimeli della collezione garibaldina. Il progetto è stato ideato dalla Sovraintendenza ai Beni Culturali di Roma Capitale, dall’Unità Tecnica di Missione della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dall’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano – Museo Centrale del Risorgimento di Roma.
Nel corso della giornata saranno anche presentati gli interventi operati dalla Sovraintendenza ai Beni Culturali di Roma Capitale sul PARCO DEL GIANICOLO, nell’ambito del progetto “I luoghi della Memoria” promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, che ha consentito il restauro dei grandi monumenti di Giuseppe e Anita Garibaldi, di 84 busti e di 4 stele dedicati agli eroi e combattenti garibaldini e del Faro degli italiani. Opere che ricordano il 1849 e i suoi protagonisti, le cui gesta sono state fondamentali per l’unità del nostro paese.
Per raggiungere in modo facile e veloce il Parco del Gianicolo, dal 16 marzo 2011 sarà attivata la linea 115 “Navetta Parco Gianicolo” che dal Terminal di Via della Conciliazione attraverserà il Parco e fermerà in prossimità di tutte le tappe di maggiore interesse. L’iniziativa è promossa da ATAC in collaborazione con IGP Decaux.

Per scaricare il programma completo potete cliccare QUI.