Home Cultura

L’altro sguardo- Fotografie italiane 1965-2018

Approda a Palazzo delle Esposizioni

SHARE

La mostra fotografica esposta ed ideata nel 2016 dalla Triennale di Milano e dal Museo di Fotografia Contemporanea di Milano Cinisello- Balsamo, in collaborazione con l’Azienda Speciale Palaexpo, debutta a Roma dall’8 giugno 2018. Arricchita dalle nuove acquisizioni, l’esposizione curata da Raffaella Perna, racchiude le interpreti più significative del panorama femminile italiano, dalla metà degli anni 60 ad oggi. Le opere selezionate, provengono dalla Collezione Donata Pizzi. L’intento di quest’ultima, è far emergere e valorizzare il lavoro di fotografe ed artiste, che grazie a repentini cambiamenti socio-politici di “ieri”, hanno acquistato posizioni di primo piano “oggi”. Al suo interno vi sono circa scatti 200 scatti per 70 donne che hanno accompagnato il cammino della fotografia. Molto diverse nel loro percorso di artiste ed appartenenti a generazioni ed argomentazioni differenti, raccontano simultaneamente l’evoluzione cronologica della fotografia e della donna nel mondo. La collezione, passa cos,ì da lavori pioneristici del campo fotografico di metà anni 60, ad ultime sperimentazioni più contemporanee. L’esposizione è suddivisa in quattro capitoli, nei quali vi sono: denuncia sociale tramite la fotografia di reportage -“Dentro Le Storie”; Relazione tra femminismo e fotografia -“Cosa Pensi Tu del Femminismo?”; tematiche identificative individuali e relazioni con gli altri -“Identità e Relazione”; e potenzialità dell’espressione fotografica come mezzo di comunicazione -“Vedere Oltre”. All’interno dell’esposizione, anche il documentario “Parlando con Voi” tratto dall’omonimo libro di Giovanna Chiti e Lucia Covi, le quali hanno raccolto testimonianza delle numerose fotografe. Una mostra che porta alla riflessione sulla storia del mondo, ma anche sulla disparità di genere che è ancora presente nelle dinamiche del nostro Paese. Spicca così, all’interno della collezione, l’intento di dare voce ad esperienze personali e vissuto quotidiano-familiare, al trascorso privato e nello stesso tempo collettivo. L’ esposizione gode infatti anche di un sostegno da parte di Trenitalia, la quale supporta opere nel tessuto civile, sociale, culturale ed economico di spiccata importanza. Presentando all’ingresso la “CartaFreccia” ed un biglietto vidimato su: Frecciarosssa, Frecciargento, Frecciabianca, utilizzato ovviamente per raggiungere la capitale, si potrà accedere alla mostra dalle ore 16.00 in due al prezzo di uno. Ingresso ridotto anche per i possessori di abbonamento al trasporto pubblico Regionale del Lazio.

Palazzo delle Esposizioni, Via Nazionale 194
Domenica, martedì, mercoledì e giovedì dalle ore 10.00 alle ore 20.00.
Venerdì e sabato dalle ore 10.00 alle ore 22.30

Alice Conti