Home Cultura Meraviglie e Misteri di Roma

La Salita del Grillo

SHARE

Una delle più ardue e faticose strade di Roma è senza dubbio la Salita del Grillo.

A Rione Monti, c’è un lungo e “leggero” pendio, che prende il nome dalla famiglia Capranica del Grillo, casato nobile della provincia romana. Il casato ebbe tra i suoi figli il Marchese Onofrio del Grillo, ricco nobile che ispirò molti anni dopo, con la sua eccentricità, il film di Mario Monicelli. La famiglia possedeva, alla fine della strada, un palazzo nei pressi dei mercati di Traiano. Questo era adiacente ad una torre medioevale che fu acquistata nel Settecento da Baldassarre dei Conti: in cima alla costruzione fu posto un fregio in stucco e cemento che reca la scritta “Ex marchione de Grillis”. Infatti, proprio dalle finestre di questa torre, il Marchese Onofrio del Grillo era solito cimentarsi in uno dei suoi passatempi preferiti: il lancio di pietre sul capo degli ebrei che transitavano lungo la salita. Un giorno i malcapitati si recarono a protestare dal Papa, che convocò il Marchese e lo costrinse ad obbedire. Il Marchese si piegò al volere della Chiesa, ma la leggenda vuole che chiese ed ottenne la possibilità di farsi perdonare per il male arrecato lanciando loro, stavolta, dei frutti. Sembra che il Marchese non specificò al Papa di che frutti si dovette trattare: per questo, si tramanda che si divertì a lanciare sui poveretti delle pigne.

Emanuela Maisto

SHARE