Home Cultura Meraviglie e Misteri di Roma

La salita in discesa di Ariccia

SHARE
salitadiscesaariccia

Tra scienza e curiosità

Un tratto della strada statale 218 intorno al km 11,6 tra Ariccia e Rocca di Papa è soggetto ad uno strano fenomeno: in questa discesa ogni oggetto di forma sferica tende a salire. L’acqua si comporta nello stesso modo: versata in terra scorre in salita. Lo strano caso, conosciuto appunto come “Salita in Discesa”, fu svelato da un articolo di Dino Cimagalli apparso sul settimanale “Gente” nel 1978. Secondo l’articolo una delle prime persone ad accorgersi del fenomeno fu Stefano Cipolletti di Nemi, studente dell’istituto Spolverini. Il giovane era rimasto senza benzina e, sceso dall’auto per chiedere aiuto a qualche automobilista di passaggio, dimenticando di azionare il freno a mano, vide l’incredibile spettacolo della sua macchina che, senza nessuno a bordo, procedeva in salita.

La spiegazione ufficiale è che si tratta di un’illusione ottica: infatti la strada che appare come una salita è in realtà una leggera discesa nel mezzo di una lunga salita e questo confonderebbe facilmente chiunque.

Secondo un’altra teoria la forza di gravità in luoghi come questo, invece di manifestarsi seguendo una direttrice perfettamente verticale, dall’alto verso il centro della Terra, si presenta fuori allineamento causando l’effetto di trascinare la massa dei corpi in salita.

Secondo altre spiegazioni il fenomeno sarebbe prodotto da forti campi magnetici oppure da forze ignote: c’è infatti chi ha pensato anche ad influenze extraterrestri.

Quella di Ariccia tuttavia non è l’unica “Salita in Discesa” esistente, infatti solo in Italia ne sono state individuate diverse. Tra di esse ricordiamo: quelle nella frazione di Montagnaga di Baselga di Pinè in provincia di Trento, a Roccabruna in provincia di Cuneo, in una strada chiusa a Sala Consilina in provincia di Salerno. Tra i luoghi più famosi fuori dell’Italia, in cui si presentano fenomeni simili citiamo la Mystery Spot Road di Santa Cruz (California).

Massimiliano Liverotti