Home Rubriche City Tips

L’Aperossa chiama a raccolta la memoria storica dei romani

L’iniziativa di digitalizzazione chiama a raccolta i cittadini di Testaccio, Ostiense e San Paolo

SHARE

LA MEMORIA COLLETTIVA – Gli archivi di famiglia spesso custodiscono immagini e ricordi di una Roma che non esiste più. Riguardandoli è possibile comprendere meglio la città di oggi e chi la vive, gli umori e i colori. Per questo l’AAMOD (Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico), per il lancio della nuova stagione dell’Aperossa, manifestazione itinerante di musica, cinema e cultura popolare, ha scelto di proporre ai romani un esercizio di memoria collettiva.

L’INIZIATIVA – Dal 4 al 29 settembre, i cittadini dei quartieri Ostiense, Testaccio e San Paolo potranno portare all’Archivio foto e video di famiglia che raccontano la loro vita in quelle zone, nei decenni passati. L’AAMOD si preoccuperà di digitalizzare tutto questo materiale, riconsegnando ai proprietari sia la versione originale che una copia di quella digitale. L’Archivio sarà a disposizione dei cittadini dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13. “Con questa iniziativa puntiamo a coinvolgere il territorio nella costruzione di una memoria comune – spiega Letizia Cortini, Docente di Storia e fonti del documento audiovisivo presso l’Università di Roma “La Sapienza – La ricerca, la scoperta e la condivisione di ricordi aiuta a creare e consolidare relazioni ed ha una ricaduta proficua in termini di benessere collettivo e di crescita culturale e civile”.

APEROSSA – È IL desiderio di condividere la memoria il motore dell’Aperossa targata AAMOD, che a settembre riprenderà il cammino per una nuova edizione della manifestazione itinerante che porta il suo nome. In calendario ci sono sei eventi gratuiti in tre luoghi simbolo di altrettanti quartieri storici: Centrale Montemartini (Ostiense – 15 e 16 settembre), Parco Schuster (San Paolo – 21 e 22 settembre), MACRO (Testaccio – 23 e 24 settembre). Ogni volta verrà proposto uno spettacolo musicale, un documentario dedicato alla prima edizione dell’Estate Romana (1977), un walkabout per le vie del quartiere, alla scoperta della sua storia, e un film italiano d’autore, scelto tra quelli che hanno partecipato a festival e mostre, nazionali o internazionali. Inoltre, in ogni quartiere verrà proiettato un documentario originale che ne celebra la memoria, realizzato per l’occasione dall’AAMOD con materiale d’archivio.