Home Cultura Meraviglie e Misteri di Roma

MISTERI E CURIOSITA’ SUL BERNINI

SHARE


Firmava le sue opere come Gio. Lorenzo Bernini e secondo Gian Lorenzo Bernini nacque a Napoli il  7 dicembre 1598 e morì a Roma il 28 novembre 1680.

Fu un architetto, scultore e pittore italiano. alcuni studiosi il suo vero nome sarebbe Giovan Lorenzo Bernini. Tra le sue tante opere anticamente si pensava che ci fosse la fontana dell?Acqua Acetosa, che si trova nel quartiere Parioli, ma secondo una successiva ipotesi sembra sia stata realizzata grazie alla collaborazione tra il pittore Andrea Sacchi e l?architetto Marco Antonio De Rossi.

 

Una leggenda narra che la fontana della Barcaccia che si trova in piazza di Spagna e realizzata da Gian Lorenzo Bernini insieme a suo padre Pietro, ricorderebbe una vecchia barca che, a causa di uno straripamento del Tevere, si sarebbe arenata proprio nel punto dove sarebbe ora la fontana. In realtà la scultura è a forma di galera che sta affondando e questo fatto priva la storia di buona parte del suo valore.

 

Un’altra famosa opera realizzata dal Bernini, in collaborazione con altri grandi artisti, tra cui il presunto rivale Francesco Borromini, si trova all?interno della basilica di San Pietro ed è il baldacchino che rappresenta le varie fasi della maternità. Alcuni storici raccontano che, quando il 29 giugno del 1663 l?opera fu mostrata ai fedeli per la prima volta, scoppiò un applauso scrosciante che durò mezz?ora ed Urbano VIII avrebbe dovuto gridare parole non proprio adatte al suo ruolo per frenare l?entusiasmo delle persone. Secondo una leggenda il Bernini avrebbe realizzato l?opera per vendicarsi del fatto che il pontefice aveva costretto l?artista ad interrompere la sua relazione proprio con una nipote del papa. Per ricordare a tutti, la sua dolorosa storia, il Bernini avrebbe creato una rappresentazione delle diverse fasi del parto. All?artista è stato intitolato il cratere Bernini, sulla superficie di Mercurio ed alcune delle sue opere sono menzionate nel romanzo Angeli e demoni di Dan Brown.

Massimiliano Liverotti