Home Cultura Meraviglie e Misteri di Roma

Servio Tullio. Leggende e curiosità

SHARE

Servio Tullio, sesto re di Roma, sarebbe stato figlio di una donna chiamata Ocrisia, la quale faceva parte del bottino di guerra seguito alla conquista di Corniculum, piccola città vicino Tivoli.

Fu ridotta in schiavitù al servizio di Tanaquil, moglie di Tarquinio Prisco nella cui casa nacque Servio.

L’identità della madre di Servio è nota mentre quella del padre sembra sia ancora incerta. Esistono diverse leggende sull’argomento. Il genitore di Servio poteva essere un certo Tullio, di stirpe regale, che avrebbe concepito il bambino prima di morire difendendo Corniculum. Secondo un’altra versione il padre di Servio fu addirittura un dio e, a tale ipotesi, sarebbe giunta Tanaquil, grazie alla sua competenza in segni celesti, terrestri e inferi. Poco dopo la nascita di Servio, mentre Tanaquil e Ocrisia passeggiavano sotto il portico di casa, videro una fiamma divampare intorno al volto del bambino. In seguito Servio sarebbe stato allevato come un figlio da Tarquinio e da sua moglie. Secondo un’altra versione tuttavia il padre di Servio sarebbe stato proprio il re, spinto da Tanaquil a congiungersi con Ocrisia. Sarebbe stata un’idea di Tanaquil, quella di far passare Servio come figlio di un dio per nascondere la verità. A quei tempi nessun figlio poteva sedere sul trono del padre ma Tarquinio e sua moglie avrebbero trovato un modo per violare tale regola mentendo sulla nascita di Servio. La coppia regale aveva anche due figlie e un figlio legittimi ma su quest’ultimo il sovrano non poteva contare per via della legge che abbiamo già citato. Vi è anche scarsa documentazione riguardo al figlio legittimo prematuramente scomparso a tal punto che gli storici ne ignorano perfino il nome. Un altro mistero che riguarda il rapporto tra Tarquinio e Servio è se il primo fu ucciso dal secondo che ne voleva usurpare il trono oppure se, al contrario, Servio tentò di difendere Tarquinio quando i nemici attaccarono quest’ultimo uccidendolo.

Massimiliano Liverotti