Home Cultura Meraviglie e Misteri di Roma

Via Borgognona

SHARE
1225946

Una strada d’artisti diventata di moda

La strada parte da via del Corso e arriva a piazza di Spagna, nel rione Campo Marzio. Fin dal XV secolo diverse comunità di artisti, commercianti e studiosi provenienti da paesi esteri, si stabilirono a Roma in quartieri ben definiti, che quasi sempre hanno determinato il nome della strada o di un intero quartiere. È questo il caso di via Borgognona, il cui nome deriva dai numerosi artisti di questa nazione che, calati in gran numero nella Capitale, si stabilirono in questa contrada, allora deserta. All’inizio del XVI secolo, però, abitarono in questa via anche numerose cortigiane di medio e basso rango e per breve tempo essa fu nota come “via delle meretrici”. 

Nel 1566 la strada venne sommersa da una tremenda inondazione e molti romani vi accorsero per mettere in salvo le povere cortigiane. In realtà dai documenti rimasti sembrerebbe che in molti le affogarono volontariamente per impadronirsi dei loro averi. Sul finire del secolo scorso due artisti, Alessandro Bracchetti e Teodoro Brengeri, proprio in un granaio posto su questa strada, aprirono un teatro di burattini che ebbe un grandissimo successo. Intorno al 1940, da oscura e silenziosa, la via rinacque a nuova vita per l’apertura di molti negozi eleganti che si susseguono ancora oggi con raffinatezza tra gli edifici sei-settecenteschi.

Emanuela Maisto