Home Cultura Meraviglie e Misteri di Roma

Via dei Querceti

SHARE

È collocata tra via di San Giovanni in Laterano e via Annia e prende il nome dall’aspetto arboreo che aveva anticamente la zona, detta appunto Querquetulana. Un tempo, infatti, il Celio era ricoperto da un fitto bosco di querce.

La via, fin dai primi anni del XIII secolo, fece parte della via Maior, ovvero la via papale dove passava il corteo pontificio che arrivava al Laterano dal Vaticano per la cerimonia “del possesso”, la celebrazione dove il nuovo pontefice diveniva Vescovo di Roma. In seguito il percorso venne deviato su via Merulana, secondo la leggenda per cui la papessa Giovanna, la donna inglese o tedesca che, camuffatasi da uomo, riuscì ad ingannare i cardinali e a farsi eleggere papa. La donna sarebbe successivamente rimasta incinta e avrebbe partorito nel bel mezzo di un corteo papale su via dei Querceti, dove morì per poi essere sepolta senza onori. La leggenda racconta anche che la papessa venne inserita nell’elenco dei papi tra Leone IV e Benedetto III. Essa venne ripresa da numerosi scrittori come Boccaccio e Lawrence Durrell e venne altresì usata per secoli dai protestanti per screditare la figura dei pontefici cattolici. Tale storia iniziò a diffondersi intorno al XI secolo e sorse probabilmente nell’ambito delle rivalità tra i canonici delle basiliche di San Giovanni in Laterano e San Pietro. Per questo via dei Querceti è anche detta Vicus Papisse, e ospita all’angolo con via dei SS. Quattro un sacello misterioso, tra i più antichi oggi esistenti a Roma, che ricorda il parto e la morte della papessa.

 

Emanuela Maisto