Home Cultura Libri

A Libri a Mollo Francesco Piccolo, vincitore del Premio Strega 2014

SHARE
PICCOLO

Il 16 luglio a Ponte Milvio l’incontro con lo scrittore e sceneggiatore Francesco Piccolo

LA RASSEGNA – Torna l’appuntamento estivo con “Libri a Mollo”, nato nel 2014 con il patrocinio gratuito del Municipio XV, promosso dall’associazione culturale Ponte Tazio e organizzato in collaborazione con Libri&Bar Pallotta. Questa seconda edizione si articola in tredici eventi, uncalendario di incontri – tra presentazioni di libri, letture e conversazioni – per trasformare Ponte Milvio (e i luoghi attorno) in uno spazio vivace dove famiglie e ragazzi possano ricevere stimoli culturali, scoprendo i libri fuori dai circuiti consueti strettamente dedicati alla lettura. Anche in questa nuova edizione, le serate si svolgeranno con cadenza settimanale fissa, il giovedì – nei mesi di Giugno, Luglio e Settembre – dalle ore 21, in modo alternato tra il chiosco situato nella piazza di Ponte Milvio, lato pista ciclabile, e lo spazio antistante la Libreria Bar Pallotta, Piazzale di Ponte Milvio 21/22.

L’INCONTRO – L’Appuntamento di giovedì 16 luglio si sposta al Chioschetto Ponte Milvio, P.le Ponte Milvio lato pista ciclabile, accanto Torretta Valadier. “A partire dalle 21 metteremo Ammollo Francesco Piccolo – annunciano gli organizzatori – Ridere dei momenti di tristezza è un controsenso di quelli che possono cambiarti la giornata. Eppure, a saperli prendere, i contrattempi, gli accidenti, i lancinanti dolori momentanei, spesso risultano assolutamente esilaranti. Purché siano di entità trascurabile e vissuti con allegria, appartengono di diritto alla gioia di vivere. E nessuno – concludono – saprebbe raccontarlo meglio di Francesco Piccolo, che dei momenti di cui è fatta la vita va componendo una perfida e divertentissima enciclopedia portatile”. Durante l’evento interverranno anche Mariagrazia Capulli, giornalista, scrittrice e conduttrice televisiva e Valerio Aprea, noto attore che ha già portato in teatro lo spettacolo tratto dal precedente ‘Momenti di trascurabile felicità’.