Home Cultura Cinema

Apre in via Zanetta il Centro Culturale di Attivamente Cecchignola

Il commento dell’Associazione: “Uno spazio così non esisteva, così ce lo siamo costruito da soli”

SHARE

CECCHIGNOLA – È il pubblico delle grandi occasioni quello che ha festeggiato il 1 giugno scorso l’inaugurazione del nuovissimo Centro Culturale aperto nel quartiere di Castello della Cecchignola dai ragazzi dell’Associazione Attivamente Cecchignola. Un obiettivo ricercato da tempo che finalmente è stato realizzato in via Zanetta 95. Un locale commerciale affittato dagli attivisti grazie ai proventi degli eventi e delle raccolte fondi di questi ultimi anni, si è trasformato in un punto di riferimento e aggregazione aperto a tutti.

LO SPAZIO CHE MANCAVA – “Questo è un passo importante – ci racconta il presidente dell’Associazione Daniele Giovagnoli – soprattutto se si pensa alla totale carenza di spazi di questo tipo nel nostro quadrante”. Nel quartiere e nelle immediate vicinanze non c’è nulla di simile, ma soprattutto nulla viene offerto dal Comune. Basti pensare che la biblioteca più vicina è quella ospitata all’interno del Centro Culturale Elsa Morante nel quartiere Laurentino, ed è attiva soltanto da pochi mesi. “Abbiamo da sempre saputo che un spazio come questo ce lo saremmo dovuti costruire da soli, con le nostre forze – seguitano da Attivamente – così ci siamo rimboccati le maniche e abbiamo lavorato per questo”. Il Centro al momento ospita una sala studio e alcuni spazi per riunioni e relax. Nei prossimi mesi i 130 mq di questo spazio si arricchiranno anche di punti ricreativi e di tantissime attività che verranno via via organizzate, come corsi, incontri e cineforum.

UN’ESPERIENZA APERTA AL QUARTIERE – Il Centro è aperto tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,30 e la partecipazione alle attività è possibile attraverso il tesseramento all’Associazione, mentre alcune attività e corsi saranno a pagamento, così da assicurare l’effettiva sostenibilità di questa iniziativa. “Vogliamo coinvolgere più cittadini possibile del quartiere per far conoscere questo spazio – ci spiega Daniele – Nelle prossime settimane organizzeremo un’assemblea pubblica per raccogliere idee, suggestioni e aspettative da parte dei residenti, così da costruire tutti assieme i servizi e peculiarità del Centro Culturale”.

Leonardo Mancini