Home Cultura Libri

Il gioco di Carlo D’Amicis

SHARE

Uno dei romanzi più discussi del Premio Strega 2018, sia per i contenuti che per la forma scelta, il lavoro di Carlo D’Amicis si svolge come una tripla intervista: domande e risposte alimentano una narrazione fortemente realistica, che abbiamo modo di penetrare immediatamente fino a incontrare i protagonisti così come sono, dentro i loro percorsi privati. Le scene di sesso evidentemente non mancano e sono espresse nel dettaglio, ma “Il gioco” non può essere considerato semplicemente un libro scandaloso. Il suo significato risiede altrove, poiché intende scoprire intenzioni e sentimenti, il desiderio in tutte le sue implicazioni, la complessità della vita interiore. Senza giudizio, l’autore scende giù per indagare le relazioni, pratiche e sistemi apparentemente sconsiderati e non ordinari, ma reali e utili perché rivelano quello che si vorrebbe tenere nascosto e segreto. Una scrittura per immagini, come lunghissimi fotogrammi, descrive un mondo definito nei suoi confini: Leonardo, Eva, Giorgio e il triangolo amoroso, “bull” (l’uomo in prestito), “sweet” (la donna), “cuckold” (il marito che sceglie di essere tradito). Corpi, ombre, luci per rappresentare l’antico rapporto tra potere e libertà, il bisogno molto umano di trovare qualcuno che sappia farci sentire speciali e, alle volte, possa persino amarci.

Carlo D’Amicis
Mondadori 2018
Euro 20

Ilaria Campodonico