Home Cultura Libri

In altre parole

SHARE
libri 134 - in altre parole

L’ultimo libro di Jhumpa Lahiri, Premio Pulitzer e firma prestigiosa del New Yorker

Jhumpa Lahiri è una scrittrice speciale, una delle firme più prestigiose del New Yorker, Premio Pulitzer nel 2000 con “L’interprete dei malanni” (pubblicato da Marcos y Marcos e, successivamente, da Guanda). La sua è una storia luminosa di contatto, amore, separazione. Nata a Londra, ma di origine bengalese, l’autrice ha trascorso la sua giovinezza negli Stati Uniti. Durante un soggiorno a Firenze negli anni degli studi, ha incontrato la lingua italiana: un colpo di fulmine così irrimediabile che nel 2012 ha deciso di trasferirsi a Roma con marito e figli al seguito. “In altre parole” è il suo ultimo libro scritto direttamente in italiano. Utilizzando la metafora del “lago” per spiegare l’esplorazione di una lingua altra, Jhumpa Lahiri descrive così il suo modo di stare al mondo, riconoscendosi straniera ovunque, le avventure tutte di una donna a cavallo tra culture, né di qua né di là. Che guarda al passato lontano con occhi grandi (verdi per l’esattezza) e comprende le cose vicine, guidata da un implacabile desiderio e una preziosa curiosità di andare incontro, di scoprire. Oggi che appare quanto mai importante provare a fare questo esercizio: ascoltare le testimonianze di chi ha trasformato la vita quotidiana in un accostamento continuo e inclusivo, in modi e tempi ogni volta diversi.

Jhumpa Lahiri
Guanda 2015
Pagine 156
Euro 14

Ilaria Campodonico