Home Cultura

Musei Civici Romani: novita’ e storia

SHARE

È stato presentato il programma didattico 2010/2011 nel Sistema dei Musei Civici Romani.

Ne emerge l’immagine di un museo vivo, in grado di coinvolgere e stimolare chiunque lo visiti, dal bambino, all’adulto fino all’anziano e al visitatore con specifiche esigenze di fruizione.
Musei per tutti è un progetto speciale che si affianca alla didattica ordinaria – concepita per favorire uno sviluppo ideale di musei, siti archeologici ed artistici – con un programma di attività rivolte agli anziani e ai diversamente abili (persone non vedenti o ipovedenti, sorde o con difficoltà motorie), svolte da personale specializzato.
Un altro progetto è La Bottega di Re Mida, realizzato in collaborazione con l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, che propone un ciclo di laboratori di oreficeria destinati ai giovani pazienti.

Zètema è incaricata di realizzare laboratori innovativi di didattica all’interno del Sistema Musei Civici e, in generale, del patrimonio della Sovraintendenza ai Beni Culturali di Roma, come quelli già nominati in precedenza.

Torna anche un’attività già sperimentata lo scorso anno all’Ara Pacis, Liberi in mostra, ma quest’anno proposta in diverse sedi museali: Musei Capitolini, Museo Napoleonico, Museo di Roma, Palazzo Braschi e Casina delle Civette. Si tratta di un laboratorio dedicato a bambini e ragazzi di età compresa tra i 4 e i 14 anni, che permette loro di girare da soli nei musei aiutati dal “kit liberi in mostra” (pennarelli, fogli) e di scoprire liberamente le opere utilizzando linguaggi non verbali e analogici (immagini, disegni ecc.).

Altra novità è il laboratorio Exemplum, un progetto interculturale che propone approfondimenti sulla vita di alcuni dei più importanti personaggi artistici e storici, italiani e non: la loro biografia, le loro opere, la filmografia (eventuale) e la critica sono l’oggetto di studio che vedrà coinvolti il Museo Napoleonico, i Musei Capitolini e i Mercati di Traiano.

Il Museo Canonica, invece, propone vari laboratori didattici, come Sentimento concreto, per toccare, ascoltare e vedere le diverse superfici che si incontrano nel museo o nelle sue opere; Le Tazzine firmante, che spiega ai ragazzi la famosa tecnica a Colombino per realizzare tazze, ciotole e bicchieri di vario genere; e Il piccolo erbario, per la realizzazione di piccoli oggetti di arredo con l’antica tecnica di essiccazione con pressa.

Arianna Adamo