Home Cultura Musica e Rumori di Fondo

Bugo

SHARE

 BUGO
? Contatti ?
(Universal, 2008)

Torna il Bugatti. Niente più camicie impossibili, giacche sfrangiate o chitarre stonate. S?è ripulito, attilato e ringiovanito, manda a casa il Canali di Sguardo Contemporaneo, e cede il suono a Stefano Fontana, Stylophonic, tutte feste cariche di selvaggina ed elettronica patinata.
Niente più folk campagnolo, niente Novara dai deliri noise e titoli improbabili. La musica se n?è andata a bere a Milano. Qualche macintosh gioca col suono, tra il digitale imperante, un pop pieno di campionamenti puliti, il nuovo Cristian Bugatti ad alta fedeltà. Nei testi diretti, solito quotidiano col linguaggio di provincia, l?amore, disilluso (Felicità) o disincantato (La Mano Mia), nella società il marcio finisce danzante (Balliamo un Altro Mese) o in simpatiche carovane (C?è Crisi). Beck, Battisti e Rino Gaetano, quel loop di Nel Giro Giusto è da elettronica seria, la ballata un ricordo westernato, dopo Devo Fare Un Brec, ritroviamo l?assurdo rap dritto di Le Buone Maniere.
Perchè se cercate ancora menate o piedi sulla merda siete fuori strada. Altro che folk, pure il Bugatti ha deciso di fare i soldi, che delusione, venduto. Poveri fan radicali.
Poveri voi. Per me, fortunatamente, è sempre uno spettacolo. Da vedere, dal vivo e vegeto il 10 maggio.


Marco di Bella