Home Cultura Musica e Rumori di Fondo

Eddie Vedder – Into The Wild Soundtrack

SHARE

Into the wild” è la colonna sonora dell’omonimo film di Penn del 2007, basato sulla storia vera di Chris McCandless. Un giovane che, finito il college, decide di mollare tutto (il proprio futuro regolare, i soldi, la famiglia) e senza guardarsi indietro inizia, nei primi novanta, il suo viaggio-odissea attraverso l’America e poi l’Alaska. Un gesto estremo, unico, di un coraggio primordiale che non avrà un lieto fine a causa di una pianta velenosa. E a chi meglio di Eddie Vedder, simbolo di quegli anni, Penn avrebbe potuto affidare la colonna sonora? Ciò costituisce il debutto solista del carismatico frontman dei Pearl Jam, il quale, per l’occasione, rispolvera gli stilemi della sua migliore arte. Molta sostanza e polpa nelle 11 brevi tracce. Eddie si cala nei panni del protagonista, contemplando il silenzio, cercando di trovare la propria voce e magari, alla fine, di captare quella magia che ripaga le fatiche e gli smarrimenti. Eddie mette in primo piano la sua voce, virile e calda, capace di reggersi sopra un banjo in “No Ceiling”, un ukulele in “Rise” o di evocare, con uno sghembo organo, ancestrali spiriti pellerossa nella lancinante in “The Wolf”. I teneri arpeggi in “Long Nights”, la calma ombrosa di “End Of The Road”, le memorie younghiane che tornano nel vigore di “Far Behind”, l’accorata e bellissima “Society” con i suoi cori solitari, e l’anima folk e tenera di “Rise” e di “Guaranteed”. Un piccolo gioiello, essenziale, intenso, adatto alla maestosità del film, con un Vedder maturo e riflessivo.

Guido Carnevale