Home Cultura Musica e Rumori di Fondo

Gracias por tu vida. Addio a Mercedes Sosa

SHARE

Si è spenta oggi a Buenos Aires all’età di 74 anni la “cantora popular”. Mercedes Sosa, soprannominata anche La NegraI per la forza della sua voce, è scoparsa nell’ospedale Sanatorio de la Trinidad della capitale argentina dopo il ricovero avvenuto il mese scorso per una disfunzione renale.

Simbolo della resistenza – “la sua voce ha sempre portato un  profondo messaggio di compromesso sociale attraverso la sua musica di radice flokloristica” si legge nel sito dell’artista in cui la famiglia ha desiderato comunicare la notizia e ringraziare le tante persone che nel corso della sua carriera l’hanno amata e rispettata fino a renderla un’icona della libertà e della musica latino americana.Negli anni 70 Mercedes subisce la più grande umiliazione da parte di un paese che ama profondamente quando durante un concerto viene messa agli arresti e poi costretta all’esilio nel 1979. Le sue parole di denuncia però non si fermano e il mondo conosce anche attraverso la sua musica la speranza di un cambiamento in Argentina dove fa ritorno nel 1982 alla vigilia della caduta della dittatura militare.

Gracias Mercedes – Negli ultimi anni Mercedes Sosa viene riconosciuta agli occhi del mondo per il suo forte impegno civico e in difesa delle donne che gli vale diversi riconoscimenti da parte dell’UNESCO e nel 2009 esce il suo ultimo album “Cantora – Un viaje intimo” nel quale collabora con i più grandi musicisti latino americani

Marco Manieri