Home Cultura Musica e Rumori di Fondo

“Guarda che luna”, il musical sulla vita di Fred Buscaglione

SHARE

Trovare in Italia un cantante che ha fatto più tendenza di Fred Buscaglione è molto difficile. Iconico, impostato, con i baffi sempre in ordine e quei capelli tirati all’indietro dalla gelatina, la voce sgraziata pronta a farsi armonia e quei versi che sono rimasti scolpiti nelle menti degli italiani. Fred Buscaglione ha portato l’America in Italia con le sue canzoni di “bulli e di pupe”, di New York, di Chicago e di Detroit, luoghi ideali secondo il cantante per mangiare “spaghetti, pollo, insalatina e una tazzina di caffè”, portando gli italiani a voler essere americani e gli americani a essere, in fondo, un po’ italiani. Nell’epoca in cui si guardava oltreoceano con ammirazione, era il periodo in cui Alberto Sordi spopolava con il suo “Un americano a Roma”, Buscaglione ha il grande merito di aver rinsaldato la gioia di essere italiani grazie ai suoi testi che ammiccavano all’America ma parlavano d’Italia.

Al Teatro di Studio 5, il 3, il 17 e il 24 marzo, va in scena un omaggio al maestro della canzone italiana, un musical sulla vita di Fred Buscaglione dal titolo di una delle sue canzoni più belle e struggenti: “Guarda che luna”. Attraverso le note dei suoi più grandi successi, interpretati dalla band “Buonasera signorina”, e con la partecipazione delle campionesse del mondo di TipTap, il musical ripercorre la vita dell’artista, costellata di successi ed eccessi. Sullo sfondo di una Torino distrutta dalla guerra, Bruno Cirillo affronta, grazie a una profonda analisi introspettiva, il rapporto del cantante con l’alcol, le donne, le belle macchine e soprattutto la sua relazione privilegiata con la luna, sua più grande confidente. Dagli esordi fino allo schianto di quella notte maledetta a bordo della sua amata Ford Thunderbird in cui perse la vita.

 

Guarda che luna
3, 17 e 24 marzo 2018

Ore 21

Teatro di Studio 5

Via Gian Francesco Biondi, 9
00143 – Roma

Info e prenotazioni: 06 5004546 – mcmcultura@libero.it

Ingresso con offerta libera

Marco Etnasi