Home Cultura Musica e Rumori di Fondo

I Beats Me sfornano “Out of The Box” e inseriscono la quinta

SHARE

Mentre scrivo dalle casse del mio stereo esce il suono della Mosrite distorta di Johnny, il basso dritto di Dee Dee, la batteria con il charleston in sedicesimi di Marky e la voce gutturale di Joey.

Avete capito no? Beh, chi non ha capito si vergogni, mentre gli altri riceveranno in premio il primo album dei Ramones. Si, perché gran parte dei musicisti di adesso ha un debito con la band del Queens che ha completamente stravolto le regole formali del rock degli anni ’70 dicendo molto semplicemente: “Fanculo la tecnica, gli strumenti costosi, le canzoni lunghe 10 minuti, gli hippy e i testi impegnati! Noi faremo esattamente l’opposto”. Ed è nata la Ramones Mania, che continua ad espandersi anche dopo la morte di tre dei quattro componenti (Joey, Dee Dee e Johnny). La loro influenza la si può trovare ad altissimi e patinatissimi livelli, come nelle peggiori bettole di tutto il mondo. Rumori di fondo preferisce interessarsi delle cosiddette “bettole” perché è li naturalmente che nascono le vere idee e la vera musica, soprattutto se si parla di punk-rock.

Questo mese quindi abbiamo voluto dedicarlo ai Beats Me, power trio romano attivo dal 2008 che ha da poco registrato l’album d’esordio “Out Of The Box”. Loro sono Simone Ceccano al basso e alla voce (Bonnie Parkers, Turturros), Alessandro di Cristanziano alla batteria (Omaha beach, The Snake Cult) e Andrea OX Giglio (Brigate Rozze, C64), quest’ultimo da poco nella band, come ci ha raccontato proprio Alessandro, alias Pollo: “L’idea di formare il gruppo è stata di Simone e Giacomo Mancini al quale poi in seguito mi aggiunsi. Il progetto era semplice: fare del punk-rock con una maggiore dose di rock, una cosa stile Johnny Thunders and the Heartbreaker con qualche spunto garage. E in pochissimo tempo sfornammo un acerbo 7” intitolato “Jesus & Devil” che oltre l’omonima canzone contiene anche “Inside your Brain” e “Happy for You”. Poi sono iniziati i casini: poche prove, concerti sbronzi, litigi, incertezze sul genere e cazzate simili ci hanno portato in un periodo cupo, molto vicino allo scioglimento. Giacomo in questa fase ci lascia e dopo un periodo di circa 4 mesi senza chitarra entra nel gruppo Marco (Orbits, Turrurros). Da questo momento in poi, a mio avviso, abbiamo preso una marcia in più. Ci siamo spostati drasticamente verso un punk-rock veloce e senza mezzi termini. Adesso poi, con l’inserimento di Andrea al posto di Marco sembra che abbiamo raggiunto una buona stabilità!” I 12 brani del disco si ascoltano veramente tutti d’un fiato: l’idea ha preso forma molto bene, perché c’è la melodia, ci sono gli stacchi giusti e al momento giusto, c’è la velocità, c’è la schiettezza e l’insolenza punk di non voler prendersi troppo sul serio ma suonare semplicemente veloci e col volume a palla. Insomma c’è talento. In attesa di trovare un’etichetta che possa effettuare la stampa di “Out Of The Box” i tre non si perdono d’animo e venerdì 24 suoneranno al KO Pub di via degli Ernici 5 a San Lorenzo per la release del disco e per l’anteprima del video del brano “Sexy city Night”. Godeteveli!

 

Marco Casciani