Home Cultura Musica e Rumori di Fondo

IL TEATRO DEGLI ORRORI

SHARE
MUSICA - teatrodegliorrori

Il Teatro Degli Orrori

“Dell’Impero Delle Tenebre”

La Tempesta

2007

 

Per rendere bene l’idea di questo gruppo ecco alcune frasi tratte dai loro deliranti testi: “Finalmente è morta, folle creatura, adesso posso bere quanto mi pare, senza vederti impazzire, senza dovermi sfibrare, ma soprattutto, senza con gesta quotidiane richiamare l’ attenzione delle forze dell’ ordine” oppure “me ne frego di Dio, me ne frego del demonio, me ne frego dei sacramenti, me ne frego di te, non me ne frega niente di Dio del demonio dei sacramenti e di te” o anche “un carro armato di rock per te che ti faccia morire di musica e non di paura”.
Come potete notare “Il Teatro” sono completamente folli, ma geniali nella loro follia. C’è ironia, grottesco, horror e in ultima istanza si avverte anche un po’ di blasfemia in queste canzoni. Il loro nome si rifà al “Teatro delle Crudeltà” di Antonin Artaud ed infatti l’aspetto teatrale è fondamentale per questo gruppo, portato avanti principalmente dal frontman Pierpaolo Capovilla (“One Dimensional Man”) che nei live sembra quasi voler evocare la buonanima di Carmelo Bene.

Alla chitarra c’è Gionata Mirai, frontman dei “Super Elastic Bubble Plastic”, mentre al basso c’è Giulio Favero (sempre “One Dimensional Man”) e alla batteria Francesco Valente (anche lui per un po’ negli “One Dimensional Man”). In pratica Il Teatro Degli Orrori si possono definire un nuovo progetto degli “One Dimensional Man”. Fin qui è tutto semplice, ma l’originalità si avverte nei testi, appunto, in Italiano e non in Inglese. Nella musica: una sorta di noise rock blouseggiante in certi momenti e decisamente stoner in altri. “Dell’Impero delle Tenebre” è del 2007, presenta 11 tracce ed è categorico ascoltarlo per intero perché non si butta via niente di questo disco, ma un suggerimento alle tracce più eccitanti va dato, e allora ascoltatevi “Compagna Teresa”, “Carrarmato Rock”, “E Lei Venne”, “Vita Mia” e, se volete, la malinconica “La canzone di Tom”.

 

Marco Casciani 
Urloweb.com