Home Cultura Musica e Rumori di Fondo

Mammooth: il sound del futuro

SHARE

Mammooth è un team di produttori e musicisti di Roma attivo dal 2001 capitanato e diretto da Riccardo Bertini (voce, chitarra elettrica e acustica) e Fabio Sabatini (tastiere, pianoforte e synths). Il post-romantic electro rock obliquo e “noir” dei Mammooth esplora gli angoli bui di territori noti: l’elettronica, il krautrock, il pop, il blues, il grunge, la psichedelia, tracciando un filo di congiunzione tra questi e restituendo un’originale formula sonora unica nel suo genere. Tra i numi tutelari dei Mammooth spiccano, in questo senso, American Music Club, Matmos, Peter Gabriel, Can, Radiohead e Tom Waits. Per comprendere il livello di questo splendido progetto è necessario elencare le loro principali esperienze. L’esordio della band è del 2001 con “Raining Mammooth”, primo lavoro autoprodotto della band, poi diventato la colonna sonora del film “Sandrine nella pioggia” di Tonino Zangardi, che in seguito vincerà il premio per la migliore colonna sonora al festival di Busto Arsizio.
Nel 2005 partecipano al festival ENZIMI con un progetto speciale dal vivo che coinvolge l’attore Claudio Santamaria alla tromba e il dj Raffaele Costantino al laptop e alla drum machine. Nel 2008 i Mammooth realizzano la colonna sonora e il sound-design del cartone animato in 3d Leo e Gebedia.
Il 2009 vede i Mammooth suonare a Meet in Town, la nota rassegna dedicata all’elettronica dall’Auditorium Parco della Musica di Roma insieme ai Port Royal ed esibirsi sul palco di Nel Nome Del Rock, la cui XX edizione vede, tra gli altri, anche Frankie HI NRG e Kaki King. “Back In Gum Palace” è il debut album della band che esce a novembre 2009 ed è un gran bel disco, fresco, originale e con la voglia di frammentare per poi rielaborare i canoni sonori ai quali loro stessi fanno riferimento.
Tra marzo e maggio 2010 i Mammooth sono in studio per la realizzazione di alcuni brani della colonna sonora del nuovo film di Roberta Torre “I baci mai dati”, presentato alla 67esima Mostra del Cinema di Venezia.
A maggio dello stesso anno curano la colonna sonora per alcuni documentari prodotti dalla RAI.
Nel 2014 si dedicano alla soundtrack del film “L’esigenza di unirmi ogni volta con te” con protagonisti Marco Bocci e Claudia Gerini. L’ultimo disco “Eat me, drink me”, uscito il 14 maggio 2015, segna la svolta della band verso sonorità elettroniche. Un cambio di rotta inaspettato. L’electro-rock degli esordi lascia spazio a una forma ancor più contaminata, fascinosamente post-moderna.

David Gallì


Warning: A non-numeric value encountered in /home/www/urloweb.com/wp-content/themes/Newsmag/includes/wp_booster/td_block.php on line 353