Home Cultura Musica e Rumori di Fondo

Mòn

SHARE

I Mòn vengono dalla città, Roma per la precisione, ma preferiscono, per sonorità e testi, la natura e paesaggi che ricordano terre come l’Islanda e la Scozia. “Zama” è il loro album d’esordio e sin dal titolo ricorda le intuizioni art-pop degli Alt-J. La band è composta da Rocco Zilli (voce, synth, chitarra), Carlotta Deiana (voce), Michele Mariola (chitarra), Stefano Veloci (basso) e Dimitri Nicastri (batteria). Nascono nel marzo 2014 e il loro primo lavoro è stato registrato e mixato da Iacopo Sinigaglia presso il Pepperpot Studio di Roma e masterizzato da Bunt Stafford-Clark presso la Pierce Rooms Studios di Londra. Il disco è stato anticipato dal singolo “Lungs” che ci proietta dritto verso le atmosfere di “An awesome wave” grazie a voci lontane dallo standard english, melodie ipnotiche e chitarre asservite al ritmo. Dieci i pezzi in scaletta: cori, chitarre deliziose in arpeggio sui cui subentrano basso e batteria, quasi sempre molto corposi fino a diventare più esplicitamente aggressivi e carismatici; il tutto comunque misurato con gusto e finalizzato guardando, non al singolo elemento (o suono), ma con l’intenzione di ottenere pezzi dotati di una compattezza globale. Di momenti godibili “Zama” ne ha parecchi: la parte iniziale di “Alma”, quella centrale di “The Flock”, che ricorda i primi Arcade Fire, e una “Forest Of Cigarettes” che ha tutte le carte in regola per essere un brano a metà tra Everything Everything e Foals. Nell’album le influenze oxfordiane alternative e indie rock dei Foals lasciano chiaramente il segno anche nel singolone “Fluorescence”; ad ascolto terminato, alcuni riff di chitarra rimangono ben impressi nella mente e certe melodie continuano a girare nelle orecchie. I testi, mai banali, fanno sì che questo lavoro sia molto gradevole; i cinque giovanissimi musicisti sono riusciti ad amalgamare bene diverse sfaccettature del rock: indie, garage, folk e post-rock. La sostanza quindi c’è ed è palpabile, sperando che “Zama” sia soltanto un accenno di quello che ascolteremo in futuro.

Guido Carnevale