Home Cultura Musica e Rumori di Fondo

Piccole Catastrofi – Il Sogno e il Veleno

SHARE

Il Sogno e il Veleno, nome del progetto dietro cui si cela il cantautore pescarese Alex Secone, è attivo dal 2009.

Siamo nell’universo dei cantautori italiani, come si può carpire dalle influenze dichiarate dallo stesso autore: da Battisti a Celentano, da Tenco a De Gregori. Ma nel suo ultimo album “Piccole Catastrofi” uscito per la Seahorse Recordings, si può scovare uno stile e un modo di cantare sicuramente influenzati da un altro cantautore leggermente più internazionale di quelli appena citati (internazionale non per fama, ma per ricerca musicale), ovvero Edoardo Bennato. L’originalità quindi è prima di tutto nel seguire una sorta di insegnamento che fa pensare a Bennato come ad un autore un po’ più rock’n’roll e meno radical chic degli altri. In secondo luogo le citazioni cinematografiche che vanno da Dario Argento (con riferimento alla miniserie RAI “LA Porta Sul Buio”) alla Nouvelle Vague.
Ma il Sogno e Il Veleno sembra unire i puntini dei cliché del perfetto giovane indie contemporaneo: una dedica a Pier Paolo Pasolini + cinema francese + “canzoni scritte su di una moleskine consunta” come recita il comunicato.

Marco Casciani