Home Cultura Musica e Rumori di Fondo

Vasco Rossi, annullato il tour e la partecipazione a Venezia per il film sulla sua vita. I problemi di salute continuano

SHARE


Sarà possibile chiedere i rimborsi per i biglietti delle quattro date annullate fino al 10 ottobre, a Venezia intanto, nonostante l’assenza del rocker è grande successo di pubblico alla proiezione del docu- film “ Questa storia qua”


Potrà essere richiesto fino al 10 ottobre, il rimborso dei biglietti dei quattro concerti del tour “Live Kom 011” di Vasco Rossi, annullati a causa dello stop forzato di 60 giorni imposto al cantante dall’ equipe medica di Villalba che da luglio scorso lo tiene in cura per la frattura di una costola. I concerti annullati sono quelli del 27 agosto a Torino, del 2 settembre a Udine, del 6 settembre a Bologna e dell’11 settembre ad Avellino; sarà possibile chiedere i rimborsi direttamente nei punti vendita dove è stato acquistato il biglietto oppure consultando le indicazioni nel sito del circuito di vendita a cui ci si è affidati.
Il dolore al petto, dovuto alla costola rotta che già a metà luglio lo aveva costretto ad un primo ricovero, ha fatto dire addio anche alla passerella della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, dove Vasco era atteso il 5 settembre per presenziare alla proiezione del film fuori concorso incentrato sulla sua vita e sulla sua carriera “Questa storia qua”, firmato dai registi Alessandro Paris e Sibylle Righetti. Nonostante la delusione dei suoi fan per l’assenza del rocker alla proiezione, il film è stato proiettato contemporaneamente via satellite anche in 32 sale italiane, ed ha riscosso un grande successo tra il pubblico in sala, che lo ha accolto con lunghi applausi, ottenendo anche ottimi  risultati di box office dato che, secondo i dati Cinetel con un solo spettacolo il film ha avuto un incasso complessivo che supera i 120.000 euro, a conferma che Vasco potrà sempre contare sul calore dei suoi fedelissimi, e non solo. Il rocker di Zocca è diventato un “social rocker” come lui stesso si definisce, e in questi ultimi tempi ha realizzato numerosi clippini per i suoi fan postandoli sui vari social network, ironizzando sul riposo assoluto impostogli dai medici «Questo stop forzato non ci voleva, purtroppo svela che sono umano, non sono un supereroe indistruttibile e non cammino nemmeno sulle acque! Mi dispiace se qualcuno ne rimarrà deluso. Guardate oltre l’orizzonte e saremo di nuovo insieme… Vi voglio bene, vi abbraccio e non vi deluderò… mai!» ha scritto ringraziando il suo popolo che lo ha inondato di messaggi di incoraggiamento non appena si è diffusa la notizia dell’ultimo ricovero. Ci vorrà ancora del tempo per il ritorno del Blasco sul palco, ma dal 7 settembre sarà possibile vederlo nelle sale cinematografiche in un ritratto intimo ed inedito, nel docu film che ha incantato pubblico e critica a Venezia.

Michela Romoli