Home Cultura Musica e Rumori di Fondo

Wombats – This modern glitch

SHARE

“I’m back in Liverpool and everything seems the same”. L’inizio del loro singolo di maggior successo fino ad ora è perfetto per descrivere quello che si prova ascoltando il secondo album del trio di Liverpool.

Tornando in città tutto sembra uguale e forse lo è anche. Le melodie che escono da questo “This Modern Glitch” sono molto simili a quelle ascoltate ormai 4 anni fa in “A Guide To Love, Loss and Desperation”. Tutto questo tempo quindi non ha cambiato gli Wombats che ritornano pronti per farla da protagonisti nei dancefloor dei locali Indie di tutto il mondo. Ancora più elettronici se possibile, sostituiscono quasi completamente le chitarre inondando le canzoni con i suoni dei synth. “Tokyo (Vampires and Wolves)” è il primo singolo estratto, classica melodia dance che strizza l’occhio all’oriente visto anche il successo ottenuto in quelle terre. “Anti-D” ricorda molto gli Oasis e i Verve degli anni ’90 con una sezione di archi a fare da sfondo alla canzone, carina ma per nulla originale. “Schumacher the Champagne” si allontana completamente dalla precedente produzione dei tre portandoci a scoprire un loro lato più post punk e indie prima maniera. “Techno Fan” è pronta per essere ballata, in un trionfo di synth e ritmi sincopati che richiamano un po’ gli anni ’80 nell’intro e che salgono sempre di più durante la canzone fino ad un finale fatto di cori, tipici del repertorio degli Wombats, batteria martellante e qualche accordo di chitarra. “Perfect Disease” ha sonorità new wave che ricordano da un lato i Depeche Mode e dall’altro i The Drums. Nota di merito per “Jump Into The Fog”, secondo singolo lanciato e in assoluto canzone più complessa e studiata dell’album, belle le alternanze tra ritmi lenti e accelerazioni sottolineate dai synth ed accompagnate da una chitarra estremamente distorta.
Un buon disco per una buona band, nulla di eccezionale come non sono eccezionali i tre di Liverpool ma, in mezzo a tante copie mal riuscite, non ci lamentiamo degli originali.

Simone Brengola