Home Cultura Teatro

L?amore ai tempi dei DICO

SHARE

L’AMORE AI TEMPI DEI DICO

Al Teatro de’ Servi un’esilarante commedia su un improbabile mènage à trois

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

È opinione ampiamente condivisa che sia più facile far piangere, piuttosto che far ridere. Direi, forse esagerando, che è quasi un assunto. Non capita di sovente sedersi a teatro e trascorrere due ore in allegria, di fronte ad uno spettacolo divertente e che non cade mai nel banale o nello scontato, come mi è successo ieri sera al Teatro de’ Servi.

Dal 13 marzo va infatti in scena la divertente e frizzante commedia “Se prima eravamo in due”, diretta da Gianluca Ansanelli e interpretata dal medesimo, la scrittrice blogger Selvaggia Lucarelli e Laura Rovetti. Si tratta di un triangolo amoroso riletto in chiave contemporanea: lei-lei-l’altro. Ester (Selvaggia Lucarelli) e Ramona (Laura Rovetti) sono fidanzate e convivono felicemente, fino a quando non decidono di mettere  cantiere un figlio. E qui iniziano i guai … perchè affidarsi al caso, quando ci si potrebbe invece rivolgere ad un “papà biologico” di fiducia? La scelta ricade sull’ex-fidanzato di Ester, l’assicuratore Riccardo (Gianluca Ansanelli) buffo e un po’ ingenuo, ancora innamorato della sua ex, si ritrova inconsapevolmente coinvolto in questo divertente mènage à trois. Gag, situazioni esilaranti, segreti, tradimenti, ripensamenti e colpi di scena continui ci proiettano in quella che potrebbe sembrare una paradossale convivenza a tre o più semplicemente una delle innumerevoli sfaccettature della famiglia moderna. I personaggi che si confrontano portano lo spettatore a riflettere su come nei rapporti di coppia, e allo stesso tempo nelle relazioni familiari, siano spariti i cosiddetti ruoli predeterminati di un tempo e tutto possa essere continuamente stravolto come in un gioco i cui giocatori si scambiano continuamente di posizione.

Il risultato è uno spettacolo godibile, il ritmo è sempre vivace, gli attori perfettamente calati nei loro rispettivi ruoli, il pubblico ride e sorride per più di due ore.

Il Teatro de’ Servi si distingue nella scena capitolina per la scelta di rappresentazioni fresche e brillanti, anche questo anno il cartellone è ricco di interessanti appuntamenti, commedie che smascherano vizi, stravizi e falsi  miti dei nostri tempi.

Da non perdere i prossimi appuntamenti in cartellone: “Ragù in agrodolce”, ovvero come sopravvivere al triangolo io, mammeta e tu e successivamente a maggio “Jena Ridens”.

 

Vittoria Pomponio