Home Cultura Teatro

DECISAMENTE PALLADIUM

SHARE

Factory, underground, creativo, alternativo, multiculturale: il Palladium non smette mai di stupirci






Eccoci a parlare di nuovo del teatro Palladium, non se ne può quasi fare a meno leggendo il cartellone della prossima stagione. Anche questo anno tanti eventi all?insegna della multiculturalità e di una spiccata attenzione a tutte le espressioni artistiche contemporanee.

Ci saranno gradite conferme, come la rassegna dei Teatri di vetro dal 23 maggio al 1 giugno 2008, il piccolo festival del teatro indipendente alla sua seconda edizione, grande kermesse di creatività e di debutto per le nuove produzioni teatrali.

Ritroveremo anche a fine marzo gli appuntamenti con Radio Tre Scienza in 6 puntate durante le quali si cercherà di indagare come la scienza può aiutare oggi a risolvere i misteri.

Palladium palcoscenico dell?Università Roma Tre: si conferma ancora il legame fortissimo tra le due realtà. Non solo con una serie di attività rivolte agli studenti universitari, tra le quali concorsi di scrittura creativa e di fotografia, incontri con attori e registi durante giornate di prove aperte. Ma anche e soprattutto con il ritorno di eventi che negli ultimi anni abbiamo visto crescere e spiccare nella scena capitolina. La rassegna di cortometraggi Dams Film Festival offrirà grandi e nuovi spunti per la sua quarta edizione prevista dal 3 al 5 giugno, si terranno cinque concerti dell?orchestra dei giovani talentuosi musicisti di Roma Tre e la rassegna novità dello scorso anno Dams teatro. Altro fiore all?occhiello della scena culturale romana e della proficua collaborazione con il terzo ateneo è il Roma Europa Festival 2008, che ritrova nel Palladium uno dei suoi spazi preferiti con spettacoli in cartellone fino alla metà di dicembre 2007.

La vocazione underground non mancherà di farsi sentire con le novità della stagione 2008: come Crazy Sound di Dario d?Ambrosio, fondatore del ?teatro patologico? cresciuto artisticamente al caffè la MaMa di New York.

Emblematico è senza dubbio il commento generale di Vincenzo Vita, l?Assessore alle Politiche Culturali, della Comunicazione e dei Sistemi Informativi del Comune di Roma: ?è stato sviluppato un nuovo modello di fare cultura, di gestire uno spazio, di condividere esperienze, con la consapevolezza comune che gli scenari internazionali della ricerca artistica e culturale pongono al centro della riflessione contemporanea il rapporto tra identità e differenze?.

Come negli scorsi anni sono previste una serie di agevolazioni per l?acquisto di biglietti ed abbonamenti per gli studenti di Roma Tre (con la formula 30 e lode), per i residenti nel Municipio XI e riduzioni per tutti coloro che comprano fino a 10 giorni prima l?inizio dello spettacolo.

Vittoria Pomponio