Home Cultura Teatro

Il fotografo Bob Krieger a Milano

SHARE

Davanti al suo obiettivo hanno posato da Giorgio Armani a Indro Montanelli, da Bill Gates a Carlo Bo, da Miuccia Prada a Charlotte Rampling , fino a Giovanni Agnelli
Autore di tre copertine del Time, corrispondente del New York Times Magazine per otto anni, Krieger ha lavorato per tutti gli stilisti mondiali dell’ultimo mezzo secolo. Nato ad Alessandria d’Egitto, ha ereditato la vena artistica dalla madre, appartenente ad una antica famiglia di pittori, librettisti, attori, artisti dei Cammarano, cui si devono parte degli affreschi della Reggia di Caserta e di Palazzo Reale e del Teatro san Carlo di Napoli, Patrimonio dell’UNESCO. Considerato uno dei più grandi ritrattisti internazionali, Bob Krieger ha fotografato i volti più noti della politica, dell’industria, dello spettacolo, della cultura, dello sport, della moda. Appassionato e instancabile curioso, Bob Krieger ama le sfide che il suo lavoro gli procura ogni giorno, dai memorabili scatti di moda ai ritratti dal tocco inconfondibile. Ciò che lo caratterizza è l’attenzione e la capacità a saper cogliere ogni volta, in ogni persona, il tratto unico e singolare di chi gli sta di fronte. Davanti al suo obiettivo hanno posato da Giorgio Armani a Indro Montanelli, da Bill Gates a Carlo Bo, da Miuccia Prada, a Charlotte Rampling.«La curiosità è stato un motore fedele che mi ha sempre permesso di scoprire il mio mondo, con un pizzico di ironia sorda».E ancora :«Senza curiosità non c’è stupore per la vita e tutto scivola via quasi senza sapore e colore». Palazzo Reale ospita una grande retrospettiva dedicata al percorso artistico di Krieger: quarant’anni di scatti, dalla moda ai ritratti, dai nudi alla sperimentazione delle sue opere piu’ recenti. Le sue immagini sono sospese in una dimensione senza tempo tra sogno e realta’ . La sua passione per la ritrattistica nasce proprio da questa “fame” di curiosità.  Le immagini di Bob Krieger sono sospese in una dimensione senza tempo. La realtà così com’è non è interessante e nelle fotografie di Bob Krieger convergono il massimo del vero e il massimo dell’ideale. Oggettività e romanticismo: è in questa formula geniale che risiede l’unicità di Bob Krieger. Interprete innovativo della fotografia di moda, Bob Krieger ha saputo tradurre le espressioni dei nostri creativi nello stile di un’intera città, di una Milano che anticipa il nuovo, che affascina, che detta le tendenze. Le sue fotografie raccontano il mistero, sono frutto di talento, di scavo psicologico, di profonda umanità. Sono opere a cui ognuno di noi può attribuire un po’ di se stesso anche se riproducono il volto di personaggi che non conosciamo direttamente.
Le immagini di Bob Krieger, bel lungi dal rappresentare un mondo élitario, rigido e superficiale, sono sferzate di vita che abbattono le inutili barriere con le quali tendiamo a semplificare il mondo. Questa mostra ci propone un artista molto conosciuto e amato, un genio della fotografia che non smette mai di ricercare. Il suo sguardo partendo dalla persona si allarga al mondo per ritornare alla persona, motore e ragione di tutto il suo operato artistico.

Inaugurazione 9 Giugno 2011 fino all’11 Settembre
Palazzo Reale
piazza Duomo, 12 Milano
lunedì: 14.30 – 19.30
martedì-merc-ven-dom 9.30 – 19.30 
giov-sab 9.30 – 22.30
Entrata gratuita

Emanuela Maisto