Home Cultura Teatro

Il Natale in Municipio VIII si passa a Teatro 

Natale a Teatro, la rassegna a cura dell’Associazione Culturale Teatrale Il Palcoscenico

SHARE

Tre appuntamenti imperdibili per sognare sotto l’albero. Grandi e piccini insieme in attesa di Babbo Natale e dell’Anno Nuovo tra concerti e spettacoli teatrali. Dopo i successi delle rassegne estive e invernali degli anni scorsi, l’Associazione Culturale Teatrale Il Palcoscenico sarà nuovamente protagonista del Natale nel Municipio VIII di Roma con la rassegna “NATALE A TEATRO”. Il progetto ha vinto l’Avviso Pubblico “Un Teatro Per la Comunità – Proposte culturali per il Municipio”.

Ad aprire la kermesse, giovedì 21 dicembre, presso il Centro Anziani San Michele, in Piazzale Antonio Tosti, 4 a Tor Marancia, il concerto del coro ArmoniainCanto, diretto da Roberto Bencivenga ed accompagnato al pianoforte dal Maestro Luis Gabriel Chami, che sarà impegnato in una lunga carrellata di brani corali celebri della più pura tradizione natalizia, presentati con dovizia di particolari ed inseriti nel loro contesto storico e culturale. L’appuntamento è fissato per le ore 17.

Riflettori puntati anche sul teatro. Sul palco del Teatro San Carlo Lwanga di via Ravà, 31 a Poggio Ameno, la commedia musicale “Le fatiche di Ercole” di Andrea Simone catturerà l’attenzione di grandi e piccini martedì 26 dicembre alle ore 17. Un divertentissimo spettacolo che vedrà sul palcoscenico gli attori Federico Antonucci, Fabio Fantozzi, Claudia Alfonsi, Pina Bellano, Francesco Ladi e Roberto Bencivenga, che oltre ad essere autore delle musiche, cura anche la regia.

Gran finale sabato 30 dicembre alle ore 20,45, sempre al Teatro San Carlo Lwanga, con lo scoppiettante spettacolo-recital “Omaggio a Paolo Poli”, ricordo del grande attore fiorentino scomparso circa un anno fa. Protagonista della serata Roberto Bencivenga, attore-cantante non nuovo a questo genere di performance, che verrà accompagnato al pianoforte da Luis Gabriel Chami. Una serata all’insegna del divertimento e dell’ironia in perfetto stile “Poli”.