Home Cultura Teatro

“Mia famiglia” di Eduardo un classico senza tempo

SHARE
Locandina Mia famiglia

La grande attualità del tema trattato e la bravura della Compagnia Attori&Company, capitanata da Mario Antinolfi, fanno della commedia di Eduardo De Filippo “Mia famiglia” uno spettacolo da vedere e rivedere.

Al Teatro San Paolo ancora fino a domenica 9 febbraio, l’opera – scritta e rappresentata dal grande autore partenopeo nel 1955 – porta sul palcoscenico la complessità del “microcosmo” famiglia, e rende omaggio a Eduardo in occasione del trentennale dalla sua scomparsa (31 ottobre 1984). Lo spettacolo vede il patrocinio del Comune di Roma – Municipio VIII e della Regione Lazio.

“Quando si sceglie un’opera da portare in scena – afferma Antinolfi – è sempre un’impresa ardua, far coincidere le proprie idee con quelle del pubblico. Il panorama artistico è vario e offre svariate sfaccettature, situazioni, emozioni e la difficoltà consiste anche nel rappresentarle con gli stessi intenti dell’autore, senza snaturarle. La scelta è immane – continua – ma è pur vero che è diventato per me una consuetudine, ormai e per fortuna, un appuntamento importante con il teatro napoletano. Scelta immane anche perché il patrimonio delle opere di Eduardo è immenso. Ho scelto ‘Mia Famiglia’ in quanto ritengo sia un’opera affascinante che mi ha attratto dalla prima lettura. Uno dei motivi che mi hanno spinto a sceglierla è la tematica che affronta. Offre notevoli spunti di riflessione, soprattutto sulla famiglia descritta come l’istituzione più importante da salvaguardare e punto nevralgico della società. Una tematica importantissima che dovrebbe interessarci, sebbene siano passati quasi sessant’anni dalla scrittura. Il testo – conclude l’attore e regista – fa capire l’importanza della famiglia, dei suoi valori e dell’unione dei suoi membri, e ciò descrivendo la disgregazione della famiglia, l’incomunicabilità, l’egoismo, la perdita della visione del bene comune, la perdita dei valori elementari e necessari a tenere unita una famiglia. Criticità e problematiche che purtroppo troviamo spesso, oggi, nelle nostre famiglie”.

Analisi del testo

Sempre attento alle realtà del suo paese, Eduardo analizza in “Mia famiglia” le trasformazioni sociali e di costume dell’Italia negli anni dell’incipiente boom economico. Il tema della commedia è il conflitto generazionale, la disgregazione della famiglia, l’emancipazione femminile; contrasti che non si realizzano tanto attraverso lo scontro diretto ma piuttosto sono espressi da una mancanza di comunicazione che arriva all’indifferenza reciproca. La storia è ambientata in un periodo storico all’insegna del cambiamento e della rivoluzione sessuale e sociale, un momento in cui i valori tradizionali della famiglia e del rispetto sembrano essere stati soppiantati dall’ideale dell’emancipazione e del progresso. La vicenda, attraverso la semplicità del raccontare il vivere quotidiano, affronta temi cari a tutti noi, ancora oggi profondamente attuali. Affronta i complessi rapporti familiari che legano i membri di una famiglia tipo: madre, padre, un figlio e una figlia. Ognuno ha una propria vita, vivono assieme perché si ritrovano nella stessa casa e non perché li unisca un vincolo di affetto familiare. Inutilmente il protagonista cerca di tenere assieme i pezzi e del resto anche lui, sia pure per disamore e disillusione si è creato una vita privata da nascondere. I suoi ammonimenti alla moglie e ai figli passano inosservati e allora tanto vale non parlare più, fare il muto. Questa del personaggio che ammutolisce, poiché non c’è più nessuno che lo ascolta, è anche una prova di grande recitazione mimica.

La commedia

Alberto Stigliano (Mario Antinolfi) è uno speaker radiofonico, padre di Beppe (Valerio Di Tella) e di Rosaria (Carol Lauro). Beppe, aiutato da Guidone, suo amico omosessuale e di discussa moralità, vuole trovare fama e ricchezza nel mondo del cinema, mentre Rosaria è una giovane ribelle ed emancipata, fidanzata con Corrado (Andrea Bizzarri).
Alberto è sposato con Elena (Santa de Santis), una donna che ha smesso di occuparsi della famiglia e passa la maggior parte del suo tempo a giocare a carte. Fa parte della famiglia anche Arturo (Stefano Lopez), fratello di Alberto, un vedovo che vive da solo.
All’inizio della commedia si nota subito che la casa, seppure di tono benestante, è quasi in uno stato di abbandono. Alberto all’inizio assiste in maniera passiva ai comportamenti provocatori dei suoi familiari, ma quando sua moglie viene accusata dalla sua amica, sig.ra Fucecchia (Francesca Perrelli), di non aver pagato un grosso debito di gioco, reagisce rifugiandosi in un silenzio che viene scambiato per un malessere fisico. Questa reazione servirà a sbloccare la situazione familiare.
Elena infatti dovrà darsi da fare per sostenere economicamente la famiglia (essendo Alberto uno speaker…) e nel secondo atto si noterà subito un miglioramento nella casa, in cui è stato attrezzato un laboratorio di sartoria, aiutata anche dalla governante della casa, Maria (Alida Sacoor). In questa apparente ritrovata tranquillità arriva come un fulmine a ciel sereno la notizia che Beppe, nel frattempo recatosi in Francia per inseguire i suoi sogni di gloria, ricercato dalla polizia perché sospettato di aver ucciso il suo pigmalione è tornato per nascondersi in casa. Una notizia che fa eco sia tra gli amici e parenti della famiglia e soprattutto sui quotidiani, anche grazie all’articolo del giornalista Bugli (Matteo Montaperto), introdottosi in casa Stigliano con l’inganno, al fine di avere notizie utili al suo scoop. Nella concitazione del momento, tutti restano sorpresi quando Alberto “ritrova” la voce e chiama la polizia per far venire a prendere suo figlio per farlo arrestare.
Nel terzo atto, ambientato dopo un anno, Beppe è riuscito a dimostrare la sua innocenza e l’attività di Elena sembra procedere a gonfie vele. Alberto ha lasciato la casa e vive con un’altra donna, dell’esistenza della quale sia la moglie che i suoi figli erano già a conoscenza. In casa Stigliano insieme ad Elena, Alberto e suo fratello c’è Michele (Filippo Valastro), papà di Corrado, arrivato per assistere (di nascosto) al matrimonio del figlio con Rosaria. Corrado infatti gli ha vietato di partecipare alla funzione. Arriva però in lacrime la neo-sposa che viene “riconsegnata” nelle mani di Alberto da Corrado il quale ammette di non essere poi così moderno come credeva. Rosaria chiede di restare sola con suo padre, al quale confessa che la sua spregiudicatezza era soltanto un atteggiamento per poter essere accettata dai suoi coetanei. Durante questo dialogo tra padre e figlia Alberto prenderà coscienza degli errori commessi.

“MIA FAMIGLIA” di Eduardo De Filippo
Regia di Mario Antinolfi

con Mario ANTINOLFI, Santa de SANTIS, Carol LAURO, Valerio DI TELLA, Stefano LOPEZ, Andrea BIZZARRI, Alida SACOOR, Filippo VALASTRO, Francesca PERRELLI, Matteo MONTAPERTO

Orario degli spettacoli: dal martedì al sabato ore 21 – domenica ore 17

Prezzi: intero 19 euro
ridotto per over 60-under 26-residenti Municipio VIII-diversamente abili
15 euro venerdì-domenica e 13 euro martedì-giovedì

Special riduzioni gruppi /presentazione cartolina (coupon compilato con prezzo speciale)
12 euro venerdì-domenica e 10 euro martedì-giovedì