Home Cultura Teatro

Settimana africana al Palladium

SHARE

Appuntamento con la cultura africana al Teatro Palladium di piazza Bartolomeo Romano 8. Martedì 12 e mercoledì 13 salirà sul palco Panaibra Gabriel Canda, danzatore e coreografo Mozambicano, attualmente uno dei più influenti artisti dell’intero continente.

Nel suo spettacolo “Time and Space: Marrabenta Solos” il corpo diviene preda della magica possessione operata dalla Marrabenta, la danza popolare della sua terra d’origine, fondata dall’energetico mix tra le classiche sonorità africane ed il folk portoghese. Le frenetiche coreografie, intervallate da momenti di parlato in cui il maestro mozambicano mette in mostra le sue doti di fine e ironico intrattenitore, garantiscono uno spettacolo essenziale per conoscere approfonditamente una cultura conturbante e appassionante.

Nella serata di giovedì 14 a partire dalle ore 20.30 appuntamento con le sonorità di Baba Sissoko e Dj Khalab. Un’accoppiata unica nel suo genere, unita per la prima volta per un evento che sarà trasmesso anche in streaming sul sito telecomitalia.com. Due generazioni a confronto unite da sonorità intense figlie della millenaria storia del continente africano. Baba Sissoko, jazzista maliano, vanta nel corso della sua utlratrentennale attività collaborazioni con artisti del calibro di Dee Dee Bridgewater, Buena Vista Social Club, Youssou N’Dour, Enzo Avitabile e Ry Cooder. Dj Khalab è invece l’esponente della nuova frontiera denominata “afrofuturista”, all’interno della quale le contaminazioni elettroniche si combinano con suggestioni tribali ed esoteriche.

A seguire, alle ore 22, la cantautrice Omara “Bombino” Moctar racconterà sulle note del suo “Tuareg Blues” le sinfonie del Niger, sua terra natale. L’artista proporrà al pubblico i pezzi del suo ultimo album “Nomad”, prodotto da Dan Auerbach, componente del duo The Black Keys, attualmente tra i più acclamati sulla scena indie-rock internazionale.

Sabato 16 alle ore 20.30 e domenica 17 alle ore 17 l’incanto e la magia della danza di Qudus Onikeku infiammeranno il palco del Palladium. Esoterismo, fisicità, esplosività: queste le caratteristiche di “Qaddish”, il suo spettacolo incentrato sulla prorompente energia di un coreografo divenuto, nonostante la sua giovane età, uno degli artisti di riferimento nel panorama mondiale della danza moderna.

Simone Dell’Unto