Home Cultura

Tornano all’Auditorium le Lezioni di Storia

SHARE
Lezioni-di-storia

Nove lezioni con un solo filo conduttore: il viaggio

LEZIONI DI STORIA – Tornano all’Auditorium di Roma le ‘Lezioni di Storia’ organizzate dagli Editori Laterza e dalla Fondazione Musica per Roma e sostenute dal contributo di Unicredit, Alpitour e Ferrovie dello Stato Italiane. La nuova edizione che vedrà nove incontri dal’16 novembre 2014 al 19 aprile 2015, ha come tema centrale ‘il viaggio’. Sarà quindi l’occasione per ripercorrere i grandi viaggi che hanno cambiato il corso della storia, hanno prodotto uno scambio culturale tra popolazioni diverse e ampliato lo spazio del mondo conosciuto.

LA PRESENTAZIONE – Nel presentare questa nuova edizione, il Presidente della Fondazione Musica per Roma, Aurelio Regina ha esordito ricordando che quest’anno alla fine del ciclo di Lezioni di Storia saranno raggiunte le 100.000 presenze. Un successo che dimostra che il pubblico cerca eventi all’interno dei quali possa nutrirsi di contenuti ed esperienze importanti e possa farlo in maniera condivisa. Questo è stato fin dall’inizio l’obiettivo della Fondazione e di Laterza, e l’averlo conseguito è dimostrato dalla grande risposta del pubblico. L’Amministratore Delegato Carlo Fuortes ha invece evidenziato il carattere interdisciplinare del tema delle Lezioni di Storia di quest’anno: “Un tema che è stato proposto a intellettuali e studiosi di settori differenti: storia, diritto, archeologia, geografia, letteratura, giornalismo, in grado di ispirare diversi argomenti e riflessioni. Come ogni anno sarà questa l’occasione per comprendere attraverso la storia ciò che siamo, per intravedere il tragitto che ci resta da compiere. La rassegna – ha aggiunto – ha fatto crescere e affezionare in questi anni un pubblico di fedeli che puntualmente ogni anno rinnovano l’abbonamento”. Giuseppe Laterza, organizzatore della manifestazione insieme alla Fondazione Musica per Roma, ha spiegato il senso della scelta del tema del viaggio: “Un tema universale ma allo stesso tempo vicino a tutti quanti noi, che permette di andare oltre la storia delle battaglie, del potere, della vita quotidiana e abbracciare argomenti come il mito, la fede, la geografia, la scienza, la montagna, la musica, la vita”.

LE LEZIONI – Protagonista della prima lezione sarà Ulisse, l’eroe omerico simbolo dell’avventura e della scoperta: domenica 16 novembre Eva Cantarella analizzerà il viaggio descritto nell’Odissea, non dal punto di vista geografico ma come passaggio fondamentale per l’acquisizione del libero arbitrio. Domenica 30 novembre, sarà la volta dell’Enea virgiliano, fondatore della civiltà romana, raccontato da Andrea Carandini. Barbara Frale il 7 dicembre illustrerà le connessioni tra fede e conquista a partire dall’ordine dei Templari, nato a Gerusalemme come conseguenza della prima crociata. Ma non si può parlare di viaggio senza fare un riferimento d’obbligo a Cristoforo Colombo e alla scoperta dell’America: discuterà di questo evento che ha segnato profondamente la storia occidentale Franco Farinelli il 21 dicembre. L’11 gennaio Luigi Mascilli Migliorini si soffermerà sulle impressioni italiane di Goethe, uno dei protagonisti più rappresentativi del Grand Tour. C’è un viaggio dietro una rivoluzione scientifica che ha cambiato per sempre il nostro modo di intendere la natura: è l’esperienza di Charles Darwin sul Beagle di cui parlerà Telmo Pievani nella lezione del 15 febbraio. Partendo da Furore di Steinbeck, romanzo che racconta la crisi americana degli anni ‘30 del secolo scorso, il primo marzo Alessandro Portelli analizzerà il più tragico dei nostri viaggi, ovvero quello che deriva dall’allontanamento per necessità da un luogo in cui siamo radicati. Ma il viaggio è anche sfida dell’ignoto: Marco Albino Ferrari il 29 marzo racconterà la tragica spedizione dei sette scalatori guidati da Walter Bonatti e rimasti intrappolati nella bufera sul Frêney. A concludere il ciclo Corrado Augias che il 19 aprile si metterà sulle orme di Stravinskij, illustrando il suo viaggio intellettuale nella cultura cosmopolita di San Pietroburgo, Parigi, Venezia, Berlino, Londra e New York.