Home Cultura

World Press Photo 2011 al Museo in Trastevere

SHARE

Dal 29 Aprile al 22 Maggio in mostra al Museo in Trastevere le migliori foto che hanno raccontato gli eventi politici e di attualità più importanti dell’ultimo anno.


Quest’anno la foto vincitrice, è della sudafricana Jodie Bibier. Il ritratto di Bibi Aisha, una giovane donna afgana sfigurata in volto a causa dell’amputazione delle orecchie e del naso. Una foto che racconta la violenza inflitta a Bibi per ordine del tribunale dei Talebani ed eseguita senza scrupoli dal suo stesso marito.
David Burnett, presidente della giuria ha motivato così la scelta: «Questa potrebbe diventare una di quelle fotografie – e ne abbiamo forse solo dieci nella nostra vita – dove se qualcuno dicesse “sai, quell’immagine di una ragazza…”, tu sapresti perfettamente di quale foto stia parlando».
Jodi Bibier è la seconda fotografa sudafricana a vincere il premio più importante nell’ambito del fotoreportage d’autore. La fotografa, rappresentata dall’Insitute for Artists Management e dalla Goodman Gallery, si è aggiudicata il riconoscimento della “miglior foto dell’anno” per l’ottava volta, a riprova del suo importante lavoro di testimonianza e narrazione svolto negli ultimi anni.
World Press Photo, infatti, è sinonimo di fotogiornalismo di qualità, essendo uno dei premi più importanti assegnati ogni anno dalla World Press Photo Foundation di Amsterdam a fotografi, giornalisti, agenzie, quotidiani e riviste. Da 54 anni, infatti, una giuria indipendente formata da esperti internazionali, si esprime su migliaia di domande di partecipazione provenienti da tutto il mondo e divide i lavori in 9 categorie: Vita Quotidiana, Protagonisti dell’attualità, Spot News, Notizie generali, Natura, Storie d’attualità, Arte e spettacolo, Ritratti, Sport.
Quest’anno sono state presentate ben 108.059 immagini da quasi 6000 fotografi professionisti di 125 diverse nazionalità.
Nel panorama mondiale del fotogiornalismo l’Italia ha sempre avuto un ruolo di primordine e anche quest’anno non si smentisce grazie a ben otto fotografi premiati, : Massimo Berruti (Notizie generali), Marco Di Lauro (Storie d’attualità), Ivo Saglietti (Storie d’attualità), Daniele Tamagni (Arte e Spettacolo), Stefano Unterthiner (Natura). L’Agenzia Fotografica Contrasto, probabilmente la più importante agenzia nazionale, si è aggiudicata tre premi con Riccardo Venturi (Notizie generali, primo premio foto singole), Davide Monteleone (Arte e Spettacolo, secondo premio foto singole) e Fabio Cuttica (Arte e Spettacolo, terzo premio foto singole).
La World Press Photo Foundation, dopo aver esaminato tutta la produzione internazionale premia le migliori foto che vanno a costituire la mostra itinerante attraverso le maggiori capitali mondiali e ne pubblica il catalogo allegato.
Un mosaico di immagini che raccontano il mondo, gli eventi più importanti e allo stesso tempo, le storie meno conosciute, ma non per questo meno significative. A colori o in bianco e nero, ritratti, composizioni o scatti “rubati”.
Una mostra che è testimonianza internazionale del vigore del giornalismo e del racconto fotografico, un documento storico che ogni anno si aggiorna e che permette ai visitatori di riflettere sulla potenza dell’immagine nel racconto e nella diffusione di pratiche democratiche del mondo dell’infomrazione.
Un operazione di grande spessore culturale costruita attorno al linguaggio comune ed universale della fotografia.

Informazioni:
Museo di Roma in Trastevere www.museodiromaintrastevere.it
Martedì-domenica 10.00-20.00. Chiuso lunedì

 

Gabriele Simmini

 

SHARE