Home Municipi Municipio IX

Al Sant’Eugenio arriva il ‘Codice Rosa’

SHARE
sant eugenio pronto soccorso

Il protocollo d’intervento per le vittime di violenza

IL CODICE ROSA AL SANT’EUGENIO – L’intesa con la struttura ospedaliera è stata siglata dal Municipio IX e dall’Asl Rmc, assieme alla Cooperativa Befree. L’idea è quella di costruire un protocollo d’intervento per saper riconoscere ed accogliere le vittime di violenza garantendo un adeguato trattamento socio-sanitario che favorisca l’avvio di un percorso di recupero sin dall’ingresso in Pronto soccorso. “Si tratta di un protocollo sanitario specifico che prevede l’entrata in funzione, già al pronto soccorso, di una equipe medica diversificata che sappia riconoscere i segnali della violenza subita e accompagni la vittima in tutto il percorso di recupero sanitario, psicologico e sociale – ha dichiarato Paola Vaccari, presidente della commissione municipale delle elette e consigliera Pd – Un percorso di sostegno fortemente voluto dal presidente del Municipio, Andrea Santoro, che si propone di sostenere le donne anche oltre la fase immediata delle cure sanitarie: la collaborazione con le forze dell’Ordine e i servizi territoriali, infatti, potrà garantire alle vittime di violenza un’adeguata assistenza legale o, nei casi estremi, l’ingresso in strutture protette come le case di fuga”.

PERSONALE CON FORMAZIONE SPECIFICA – Di certo non un servizio improvvisato, visto l’alto livello di professionalità e conoscenze richieste al personale ospedaliero: “Il lavoro per preparare il personale sanitario è stato molto intenso ed ha richiesto due anni di formazione specifica – ha spiegato Sonia Cardillo, capogruppo Sel in municipio IX – Al Sant’Eugenio circa 100 tra medici, psicologi, infermieri e ostetriche hanno partecipato nel 2013 ad un corso per operatori di territorio, come previsto nelle Linee Guida della Agenzia regionale, mentre nell’ultimo anno sono stati preparati ad affrontare l’emergenza, i 50 infermieri del Pronto Soccorso. Grazie alla rete dei servizi territoriali e al sostegno del personale di Befree, saremo in grado di dare concretamente un aiuto alle donne che vivono situazioni drammatiche di violenza spesso taciute o negate, accompagnandole in tutte le fasi del recupero della salute e della propria autonomia”.