Home Municipi Municipio IX

Castello della Cecchignola: continua la protesta dei cittadini

SHARE

Sempre più vicina l’apertura di via Kobler. Ma i servizi restano insufficienti.

Il quartiere Castello della Cecchignola è ancora alle prese con i problemi del passato. Una delle questioni più importanti riguarda l’apertura di via Kobler verso via Gaurico legata alle convenzioni edilizie in corso di ultimazione tra Costruttori di Colle delle Gensole e Cecchignola Ovest ed il Comune di Roma. “A seguito delle riunioni avute con il Presidente del Municipio XII Pasquale Calzetta, il 16 marzo e il 15 giugno 2010 – ha affermato il consigliere del Cdq Castello della Cecchignola Bruno Battaglia – il Presidente stesso ci ha garantito che il piano originario per il prolungamento di via Kobler verso via Gaurico verrà mantenuto. Nel caso qualcosa fosse cambiato preghiamo il Presidente Calzetta di comunicarcelo e comunque attendiamo delle cortesi conferme”. Un’ordinanza del Sindaco, la 249 del 29 dicembre 2009, ha stabilito infatti l’intervento di “Realizzazione della viabilità di collegamento al GRA e prolungamento di via Kobler fino alla Laurentina” inserito nel Piano di riqualificazione delle infrastrutture viarie e per la mobilità, approvato con Ordinanza commissariale n. 2 del 12 ottobre 2006. Un’ulteriore proposta è stata l’apertura di via dell’Esercito e/o via dei Genieri: il mese scorso è arrivato il nullaosta dei militari al Municipio XII che permetterà la riapertura di via dei Genieri agli autoveicoli. “L’obiettivo è riaprire la strada entro il 2011”, dichiara Calzetta. Una battaglia che va avanti ormai da 15 anni, quando via dei Genieri venne chiusa in seguito ad un incidente stradale. La riapertura della città militare al traffico permetterà di sbloccare la mobilità di alcuni quartieri senza andare ad intaccare l’ultimo polmone di verde rimasto, il Fosso della Cecchignola. Una decisione che mette tutti d’accordo: cittadini e Municipio. La progettazione è già partita e sarà realizzata con i fondi municipali in collaborazione con il Ministero della Difesa. “Tale proposta è sempre stata presente nel programma del Cdq in aggiunta e mai in subordinazione al prolungamento di via Kobler verso Via Gaurico – prosegue Battaglia – durante le stesse riunioni il Presidente Calzetta aveva comunicato al Cdq che erano in corso contatti con il Ministero della Difesa per la possibilità di apertura di Via dei Genieri e che le trattative si presentavano molto onerose per il Municipio. Se adesso l’abilità del Presidente Calzetta ha ottenuto che questa apertura avvenga a ‘costi irrisori’ non possiamo che esserne stracontenti”.
“Sono circa due anni che segnalo in modo ripetuto il problema sia al XII Municipio, parlando direttamente con l’Assessore Cuoci, sia all’AMA. Ho inviato un’e-mail qualche tempo fa anche all’ufficio di gabinetto ma senza ottenere risultati” la denuncia di una cittadina del quartiere. Il Castello della Cecchignola, già penalizzato dalla mancanza di scuole previste, da altri servizi come la posta, dal contenzioso sui terreni dove sono costruite le case, sembra paghi anche la mancanza di una corretta pulizia delle strade e soprattutto dal mancato diserbo di marciapiedi e zone di parcheggio: “Le erbe arrivano anche a  più di 50 cm. L’unico verde comune ad essere gestito, sempre dopo segnalazione, è quello relativo ai giardini dei bambini ed allo spartitraffico di via Kobler. Tale gestione oggi è legata al Servizio giardini, che funziona, mentre da notizie arrivate sembra passerà all’AMA e questo ci terrorizza. Due anni fa – continua – noi abitanti del quartiere abbiamo effettuato una pulizia straordinaria della cui raccolta poi si è occupata l’AMA . Abbiamo raccolto di tutto, da divani a stampanti a spazzatura di ogni genere. Cosa dobbiamo fare di più? È un nostro diritto la pulizia e il diserbo del quartiere?”. “Per quanto riguarda il parco giochi –  ha affermato Maurizio Cuoci, Vicepresidente del Municipio XII – questo rimarrà certamente in capo al Servizio giardini così come avviene oggi. Per quanto riguarda le aiuole spartitraffico il Comune di Roma sta ipotizzando di darle in affidamento all’AMA in modo tale da poter ottimizzare gli interventi sulla strada e sulle aiuole immediatamente attigue. Ovviamente a questo passaggio di competenze corrisponderà un aumento di personale e di mezzi adeguati”.
“E’ importante che le aree verdi del nostro municipio – sostiene Augusto Culasso, Consigliere del Municipio Roma XII – siano messe sotto responsabilità civile dei cittadini. Il giardino dei bambini prima era molto curato: credo che queste aree debbano essere considerate come parchi di qualità”.
“Il nostro quartiere (circa 1350 famiglie) è un quartiere chiuso che dagli anni ’90 soffre di un isolamento dagli altri quartieri per la mancata applicazione di un corretto piano viabilità-urbanizzazione-mobilità – sostiene Enrico Lenticchia, Presidente del Cdq Castello della Cecchignola –  In data 6 settembre 2010 abbiamo consegnato al Presidente Calzetta una nuova segnalazione sui mali che ci affliggono: l’edicola installata nel quartiere rimane costantemente chiusa per molti mesi. Evidentemente come altri esercizi commerciali che nel quartiere hanno vissuto ‘una sola notte’ anche l’edicola sembrerebbe essere stata contagiata dal virus di ‘mancanza di utenza’. Abbiamo invitato il Presidente a procedere alle opportune investigazioni in quanto non vorremmo che la chiusura sia la causa di un eccessivo costo della sublocazione di questa attività commerciale”.
“L’edicola, purtroppo, non ha abbastanza utenza – risponde Culasso – I commercianti non riescono a offrire dei servizi sostenibili, ma credo che con il completamento di Cecchignola Sud le cose miglioreranno: avere un quartiere tranquillo, senza traffico comporta anche assenza di servizi. Ho sempre sostenuto l’importanza dell’apertura di via Kobler che a mio parere risolverà i problemi relativi ai servizi del Castello della Cecchignola”.

Arianna Adamo