Home Municipi Municipio IX

Controllo del Vicinato: anche il Prefetto partecipa all’incontro

SHARE
controllo-del-vicinato-ladispoli

Al centro del dibattito la sicurezza partecipata sul territorio romano

L’APPUNTAMENTO – Domani 18 giugno alle 17,30 l’aula consiliare del Municipio IX, in via Ignazio Silone nel quartiere Laurentino, si terrà il convegno organizzato dall’Associazione Controllo del Vicinato dal titolo “Un modello di sicurezza partecipata per il territorio urbano e metropolitano”. Solo nel quadrante Sud della Capitale sono già 20 i quartieri che hanno aderito all’iniziativa del Controllo del Vicinato.

LA PARTECIPAZIONE DEL PREFETTO – All’incontro è prevista la partecipazione del Prefetto di Roma, Franco Gabrielli, che ha già incontrato i referenti romani del progetto e sottolineato l’importanza di questa iniziativa durante l’incontro con i cittadini del Municipio IX. Oltre al Prefetto parteciperà anche il criminologo e direttore scientifico dell’ONSU (Osservatorio Nazionale sulla Sicurezza Urbana), Marco Strano, il criminologo e fondatore dell’Associazione, Francesco Caccetta, e i referenti del progetto per la Capitale Stefano Leprini e Massimiliano De Juliis.

IL SISTEMA – Il Controllo del vicinato, o meglio il Neighbourhood Watch, nasce tra gli anni ’60 e ’70 negli USA, e viene adottato da decenni in molte città americane ed europee, con circa 10 milioni di aderenti. “Si tratta di un sodalizio tra cittadini per fare osservazione e inviare segnalazioni alle forze dell’ordine – spiega il criminologo Francesco Caccetta -Sono bandite ronde e interventi diretti, perché un testimone qualificato è meglio di una vittima. Anche se ci si ritrova in gruppo, mai prendere iniziative rischiose”.

COME FUNZIONA – Il sistema è semplice e nel caso romano si sta avvalendo di una chat di Whatsapp dedicata alla condivisione di informazioni su quanto sta avvenendo nel quartiere, per mettere assieme tutti gli elementi utili a segnalare un comportamento anomalo o un crimine agli organi di Polizia. A questo si arriva dopo un percorso di formazione, una serie di incontri che vengono ripetuti ogni due mesi e l’adesione formale all’Associazione Controllo del Vicinato. Si costituisce quindi un coordinamento di zona, che consegnerà ai cittadini un vademecum con tutti i consigli sulla sicurezza.

Le Ma