Home Municipi Municipio IX

Dal Comune non arriva l’esclusione definitiva della Falcognana

SHARE
sitofalcognana

Bocciata la mozione che avrebbe impedito l’utilizzo emergenziale della discarica dell’Ardeatina

LA MOZIONE – È stata bocciata dall’Assemblea Comunale mozione nella quale veniva richiesta la definitiva esclusione dell’impianto della Falcognana dal novero dei siti papabili come discarica emergenziale. L’atto era stato inviato a tutti i capigruppo in Assemblea Capitolina a seguito dell’incontro del 20 gennaio scorso con il Sindaco Marino in una cooperativa sociale a Castel di Leva: “In quell’occasione il Sindaco disse che Falcognana non avrebbe ricevuto i rifiuti di Roma ma, contemporaneamente, affermò che la città avrebbe avuto bisogno di una discarica di ‘servizio’ – ricorda il Consigliere di Fi al Municipio IX, Massimiliano De Juliis – Noi abbiamo chiesto di mettere nero su bianco l’affermazione che escludeva Falcognana come potenziale sito ma anche di escluderla come discarica di ‘servizio’ o per le ‘emergenze’, altrimenti quelle parole sarebbero state prive di significato”.

 

LA BOCCIATURA – spiega il consigliere forzista: “È arrivata dalla sinistra dell’assemblea capitolina che purtroppo ha bocciato il documento che richiedeva anche l’intervento dell’Avvocatura di Roma Capitale nel giudizio tra ECOFER e MIBAC, la cui prosecuzione nella fase di merito è stata disposta con l’udienza pubblica del 26 giugno 2014. Questo – seguita De Juliis – dopo che nella sentenza del TAR era già stata evidenziata l’inerzia di Roma Capitale dove è scritto ‘tenuto conto che nulla l’amministrazione ha replicato in ordine alla richiesta di sospensione del provvedimento impugnato’”.

L’INDIGNAZIONE DELL’OPPOSIZIONE – municipale è palese nelle parole del Consigliere De Juliis che, retoricamente si chiede a che gioco si stia giocando: “Sindaco Marino se le affermazioni del 20 gennaio fossero state vere per quale motivo non votare questa mozione? Siamo stufi di giochini e giochetti che si ripetono da mesi, stufi di vedere Consiglieri Comunali e Presidenti di Commissione scendere in piazza con i cittadini o dichiarare di essere contrari alla discarica al di fuori del Palazzo ma che non fanno nulla nell’unico luogo dove sono chiamati a farlo, l’assemblea capitolina!”. De Juliis non risparmia le critiche nemmeno per la maggioranza municipale: “Stufi dell’ennesima assenza del Presidente Santoro che non va a difendere il Municipio e che non si fa rispettare, stufi dei giochini per cui la sinistra del Municipio dice no alla discarica ma quella comunale e regionale vanno in un’altra direzione al fine di tentare di mantenere il consenso sul territorio”. Una presa in giro, conclude “nei confronti di cittadini a cui è stato fatto fatto veramente ogni tipo di sgarbo, alla faccia della partecipazione tanto decantata! Marino e Santoro per cortesia, liberate Roma, andate a casa!”