Home Municipi Municipio IX

Differenziata Municipio IX: continuano disagi e disservizi

SHARE
Differenziata Marconi 3

Cumuli di rifiuti e mini-discariche a cielo aperto: questa la denuncia di DifendiAmo Roma

LA RACCOLTA – Dal novembre scorso anche i cittadini del Municipio XI sono alle prese con il nuovo sistema di raccolta differenziata promosso dall’Ama. in questo caso è circa il 65% del territorio ad essere servito dalla raccolta stradale in cinque frazioni, con il restante affidato alla raccolta porta a porta. Come abbiamo già rilevato nel marzo scorso, non sono mancati i disagi, con molte criticità soprattutto in relazione ai tempi di raccolta e al sistema stradale.

 

UNA NUOVA DENUNCIA – delle difficoltà riscontrate dai cittadini arriva da Marco Campitelli, esponente di DifendiAmo Roma: “Sono mesi che denunciamo e riceviamo segnalazioni in merito alla disastrosa gestione della raccolta dei rifiuti in Municipio XI. Avevamo già avuto modo di mettere in guardia Istituzioni e organi competenti sulla progressiva espansione del fenomeno ma ormai siamo giunti a una vera e propria emergenza”. il disservizio denunciato da Campitelli riguarda cassonetti stracolmi e cumuli di immondizia: “Inoltre ovunque nel municipio dove non ci sono i cassonetti fioriscono mini-discariche abusive”.

LE ZONE – maggiormente colpite dai servizi dove la densità abitativa e commerciale è notevole, come per il Trullo, Magliana oppure Marconi: ““Vivono un disagio inaccettabile – seguita Campitelli – immaginate cosa sia vivere o lavorare con marciapiedi e strade invase da rifiuti di ogni genere, tra cui divani malridotti, materassi usati, sanitari da bagno e chi più ne ha più ne metta”. Ma la situazione non sembra migliorare nemmeno nelle zone più periferiche o con densità abitativa minore, come Colle del Sole, Muratella o Ponte Galeria-Piana del Sole, dove si “vedono quotidianamente affiorare discariche a cielo aperto. In particolare – sottolinea l’esponente di DifendiAmo Roma – è assolutamente paradossale la situazione di Via Lanfranco Maroi, che si trova a pochi metri dal Centro Raccolta Ama di Via Martini: essendo quest’ultimo quasi sempre chiuso per vari e oscuri motivi, molti rifiuti ingombranti vengono rilasciati proprio nel piazzale di Via Maroi contribuendo alla formazione di piccole discariche abusive, le quali poi vengono sgomberate circa ogni due mesi, con esborso di soldi importante e immenso disagio per i cittadini della zona”.

IL ROVISTAGGIO – altro fenomeno già denunciato non solo dai cittadini, in questa situazione di accumulo sembra fiorire più che mai: “Perpetrato senza ostacoli dai nomadi in tutta la zona – continua Campitelli – trova in questo modo terreno fertile e di conseguenza le strade del municipio sono ancor di più invase da carrelli e affini carichi di qualsivoglia oggetto o materiale proveniente dall’immondizia in eccesso”. Parla anche delle azioni messe in campo, che si affiancano alle continue segnalazioni da parte della cittadinanza: “Abbiamo inviato più di una nota all’Ama per denunciare la situazione e attendiamo a questo punto risposte celeri e concrete. Come facciano le istituzioni comunali e municipali a non accorgersi di tale scempio è ancora a noi ignoto, ma – conclude la nota – di certo l’inadeguatezza di queste amministrazioni non fa più notizia ormai”.

Leonardo Mancini