Home Municipi Municipio IX

Discarica Falcognana: i residenti irrompono nella Notte dei Fori

SHARE
DSC 0194

La manifestazione dei cittadini sfonda tre blocchi e arriva in via dei Fori Imperiali

IL SIT IN – Risulta subito palese che i manifestanti non sarebbero rimasti confinati all’interno del percorso concordato. Lo scopo è quello di arrivare in via dei Fori Imperiali e dare il massimo della visibilità alla vicenda della discarica di Falcognana. I cittadini arrivano in blocco, tutti in camicia bianca e con i lunghi striscioni che da giorni portano in corteo su via Ardeatina. Un ragazzo tiene alto quello che sembra un gonfalone, ma ci rendiamo presto conto che è un’icona della Madonna del Divino Amore: “L’ha benedetta il Parroco – ci dice una manifestante – vedi, quello laggiù”, indica il Rettore del Santuario, anche lui accorso assieme ai suoi parrocchiani per manifestare contro la discarica.

SFONDATI TRE SBARRAMENTI – Non danno nemmeno il tempo al primo blocco di Polizia di organizzare lo sbarramento, anziani, bambini e persino mamme con i passeggini, svicolano e passano sotto le braccia dei pochi agenti. Una lunga corsa da Piazza della Bocca della Verità lungo via del Teatro di Marcello, dove il corteo supera altri due blocchi, l’ultimo sulla scalinata del Campidoglio. Sembrava volessero salire al colle per manifestare, ma l’obiettivo è un altro. Veloce il corteo attraversa Piazza Venezia dove, degli spaesati gruppi di turisti non possono fare altro che lasciare il passo alle camionette della celere, occupate nella rincorsa dei manifestanti. L’ultimo sbarramento blocca definitivamente il corteo all’inizio di Via dei Fori Imperiali, in piena ‘notte bianca’ dei Fori.

LA DELEGAZIONE – Non accenna a diminuire la tensione, ma l’obiettivo è stato raggiunto, la massima visibilità è stata ottenuta. Ora non manca che far sentire le loro voci e ottenere una risposta dal Sindaco Marino. Una delegazione dei comitati dei cittadini viene finalmente convocata: “Abbiamo consegnato al sindaco Marino alcuni dei prodotti della Campagna romana – ha raccontato in una nota il consigliere PdL al Municipio IX, Massimiliano De Juliis – tra questi l’importante formaggio che è anche presidio SlowFood di un produttore artigianale della zona, un vino DOC ed un quadro con la Madonna del Divino Amore benedetta dal parroco. Speriamo che con queste nostre iniziative riusciamo a far conoscere, a chi non la apprezza ancora, la nostra zona ricca di prodotti bellezze naturali – conclude il consigliere in riferimento alla mobilità – Ricordiamo inoltre a chi pensa di far percorrere la via Ardeatina ai TIR di notte, anziché di giorno, che questi mezzi non possono passare e che da maggio ad ottobre sulla via Ardeatina ci sono i pellegrinaggi che portano al Divino Amore. Quindi un ennesimo scivolone di chi sta studiando le carte!”.

LA PROMESSA DEL SINDACO – L’unico risultato che la delegazione ha portato a casa è stato quello di vedersi convocare dal Sindaco per lunedì mattina. Dopo l’annuncio di questo appuntamento alcuni dei manifestanti si sono detti soddisfatti, mentre altri hanno continuato a chiedere delle risposte immediate, per poi sciogliere definitivamente il corteo alle undici passate.

L’ANALISI – della manifestazione l’hanno fatta in una nota i comitati ‘No discarica’, promettendo di denunciare chiunque tenti di strumentalizzare la manifestazione di ieri sera: “Le manifestazioni plateali per ottenere un appuntamento dal Sindaco sulla questione della discarica al Divino Amore sarebbero state evitabili se il Sindaco avesse mostrato di dare ascolto alle voci dei suoi cittadini. Il silenzio intorno al toto discarica e numerosi fax per la richiesta di un incontro sempre negato hanno fatto sì che le preoccupazioni ed i dubbi abbiano regnato sovrani. E se la montagna non va a Maometto allora Maometto va alla montagna – seguita la nota – vogliamo precisare che vogliamo continuare ad essere pacifici e determinati. Siamo dispiaciuti per l’incidente occorso alla vice comandante Scafati ma si evince chiaramente dai filmati che è stato un accadimento del tutto fortuito – spiegano i comitati in riferimento all’incidente avvenuto sotto il palco – Siamo pronti a denunciare presso tutte le sedi giudiziarie chiunque ci attribuisca fatti non riconducibili a nostri comportamenti o atti, ma siamo certi che non dovremo arrivare a tanto. Vogliamo precisare che abbiamo diverse fedi politiche ma siamo uniti in una lotta per la salvaguardia del nostro territorio. Non ci fermeranno comode etichette dateci per metter a tacere la nostra battaglia e non porgeremo il fianco a tentativi di strumentalizzazione. Noi continueremo fino a che non avremo raggiunto l’obiettivo, ovvero evitare che il nostro municipio diventi la pattumiera di Roma”.

QUALCHE POLEMICA – per la presenza all’interno del corteo di Sveva Belviso e dell’ex Sindaco Gianni Alemanno, già contestato in altre riunioni dei cittadini contro la discarica. “Alemanno fa il (finto) capopopolo nella notte dei Fori contro la discarica – scrive, dal suo profilo Facebook, il presidente del Municipio IX, Andrea Santoro – Per 5 anni non ha fatto nulla e adesso urla. Patetico. Non ho altre parole”. “Ma tu dov’eri?” , gli risponde un cittadino. Una polemica questa che certamente non mancherà di avere sviluppi, con la cittadinanza che non apprezza i tentativi di dare un qualsiasi colore politico alla protesta.

Leonardo Mancini