Home Municipi Municipio IX

Discarica Falcognana: molte iniziative al di là della bagarre politica

SHARE
discafalcognana2rid

Continua lo scontro PD-PDL, mentre i cittadini si organizzano con esposti e manifestazioni

DIFFICILE – la situazione politica in cui si va ad inserire la vicenda della discarica di Falcognana, a farla da padrone è lo scontro fra l’On. Marco Miccoli del PD e l’ex Ministro Renato Brunetta: “La smetta con questi bassi espedienti, deve capire che la tutela della sua villa con piscina sull’Ardeatina non è una priorità per i cittadini romani che rischiano di essere travolti dall’emergenza rifiuti – così Miccoli in una nota – la smetta anche di intimorire il Commissario di Governo Sottile che sulla vicenda della discarica di Falcognana – seguita l’Onorevole – Il commissario Sottile vada avanti tranquillo e non si lasci spaventare da questi piccoli sotterfugi messi in campo dall’ex-ministro per tutelare la sua Hollywoodiana magione con piscina”. Non è poi mancata la replica del Presidio No Discarica Divino Amore, con il suo portavoce, Alessandro Lepidini, già consigliere del PD al Municipio IX: “Stupisce la lettura che il deputato Miccoli offre della vicenda della discarica a Falcognana. Miccoli si preoccupi prima di difendere l’indifendibile Commissario Sottile il cui dimissionamento, constatane la palese incompetenza, è ormai un atto dovuto, di leggere almeno la relazione del Commissario. Si accorgerebbe in questo modo, evitando figure peregrine, che sta sostenendo una decisione tanto grave, fondata però su di una relazione da voto 3. Con l’invitare Sottile ad andare avanti, palesa la completa ignoranza sulla vicenda esplicitando peraltro completa insensibilità rispetto ai cittadini di questo pezzo di città – seguita la nota facendo chiarezza sulle parti in causa – Questo Presidio invita pertanto il deputato Miccoli ad astenersi da interventi simili che denotano tutta la strumentalizzazione politica che fa di una vicenda che per noi è di sopravvivenza. Prendiamo atto che il deputato Miccoli è tra i favorevoli alla discarica e come tale tra i nostri avversari. Si documenti pertanto perché quale deputato della Repubblica fa davvero una pessima figura”.

 

INTANTO IL PDL MUNICIPALE – chiede di chiarire quali siano le reali posizioni delle forze in campo: “Di fronte alle continue iniziative delle associazioni e dei comitati e alle continue ed insistenti conferme del Prefetto sulla scelta di Falcognana come futuro sito della discarica di Roma, spicca l’assenza assoluta di chi sta al governo delle istituzioni: non tanto dai rappresentanti del PD del governo nazionale che così silenti sembrano lontani anni luce da un problema che riguarda migliaia di cittadini, ma in particolare da coloro che governano Regione-Comune-Municipio ci aspettiamo più di una semplice posizione contraria sulla tema della mobilità, come se tutto il problema della discarica si dovesse ridurre ad una questione di traffico – seguita la nota del Gruppo PdL al Municipio IX – Zingaretti, Marino e Santoro chiariscano la loro posizione sulla questione giudiziaria così come sulla questione degli aspetti legati al vincolo Bondi che continua ad essere misteriosamente ignorato: sono loro, non il prefetto, i rappresentanti del popolo e sono loro che devono parlare e soprattutto rassicurare i cittadini”. Non manca nemmeno la stoccata al Presidente del Municipio IX, Andrea Santoro, è infatti il consigliere Pdl, Massimiliano De Juliis, a parlare di ‘silenzio assordante’ “del Presidente del Municipio sulla vicenda della discarica di Falcognana-Divino Amore che da oltre due settimane non pronuncia una sola parola sulla questione. Il Presidente non dice cosa sta facendo, e se sta facendo qualcosa, non è in grado di dare nuove notizie e continua ad essere assente dalle manifestazioni dei cittadini mentre dai giornali apprendiamo anche che ci potrebbe essere l’ombra della criminalità organizzata sul sito di Falcognana – seguita il consigliere in riferimento alle notizie apparse sui giornali nei giorni scorsi – Il coordinamento No Discarica No Inceneritori Municipio IX sta facendo un grande lavoro, evidenziando pesanti criticità tecnico legali (dal mistero della proprietà all’impossibilità di avere una nuova AIA), ha presentato esposti alla procura e alla corte dei conti, ha appena attivato un InfoPoint presso il Santuario del Divino Amore, ma purtroppo dal Presidente Santoro nessun supporto, ne tecnico, ne legale né umano – conclude De Juliis ponendo a Santoro alcune domande – Presidente Santoro, Lei da che parte sta? Dalla parte dei cittadini o con Marino e Zingaretti?”. Santoro ha risposto a queste polemiche con un messaggio dal suo profilo Facebook, chiarendo la sua posizione in merito alla vicenda: “Sulla discarica di Falcognana non faccio un passo indietro. Confermo il mio no e quello del Municipio e lo continueremo a motivare in ogni sede. E confermo anche che è inutile che alcuni esponenti del Pdl si ostinano a fare polemica con me. La campagna elettorale è finita due mesi fa, fatevene una ragione”.

SULLA MOBILITA’ – nell’area lo scontro è ancora aperto, soprattutto in relazione alle possibili vie d’accesso al sito della Ecofer per i camion che dovrebbero essere impiegati per il trasporto dei rifiuti. Su questa vicenda il minisindaco, Andrea Santoro, ha annunciato il 13 agosto un sopralluogo su via di Porta Medaglia perché “i tir di lì non possono passare, si incastrerebbero tra loro perché la strada è troppo stretta, mettendo a repentaglio la sicurezza dei cittadini”. Non basta però agli esponenti del PdL municipale che, il 20 agosto, hanno depositato una mozione per vietare il transito dei Tir anche su via di Porta Medaglia: “Il 6 agosto abbiamo chiesto al Presidente Santoro di fare opportune verifiche sulla legittimità del passaggio di tali mezzi in via di Porta Medaglia ma a tutt’oggi non abbiamo novità – spiega in una nota il consigliere De Juliis – La strada è priva di illuminazione, con una carreggiata stretta, senza marciapiedi e con curve con un raggio di curvatura estremamente ridotto. Considerando la pericolosità della stessa, le richieste dei vari comitati e consorzi, l’ipotesi che la medesima può essere utilizzata anche per far transitare i camion per portare i rifiuti nella prevista discarica di Falcognana, che ne aumenterebbe ancora la pericolosità, abbiamo ritenuto opportuno presentare la mozione e procedere con urgenza al fine emettere una ordinanza che eviti ulteriori pericoli ai cittadini”.

LA PARTECIPAZIONE – della cittadinanza e delle associazioni coinvolte in questa lotta non è mancata nemmeno nei giorni centrali del mese di agosto: “Presenti in strada con le manifestazioni, due audizioni ottenute in Regione e Comune, riunioni con altre realtà associative che si stanno battendo come noi per dire no, apertura di un InfoPoint presso il Santuario del Divino Amore per informare i cittadini in tempo reale, presentata una diffida a tutti gli enti preposti, esposto alla Sovraintendenza dei beni culturali ed ambientali e Esposto alla Corte dei conti, richiesta di accesso agli atti a tutti gli enti preposti, altri due esposti alla Procura della Repubblica e preparazione Ricorso al Tar del Lazio – tutte queste le iniziati messe in campo dal Coordinamento No Discariche No Inceneritori IX Municipio di Roma e Pomezia, come spiega il suo Presidente Massimo Falco – Non allenteremo la pressione verso le Istituzioni e continueremo a chiedere la sospensione della decisione su Falcognana. Bisogna rimettere tutto in discussione, vogliamo una programmazione di scelte diverse rispettose delle normative vigenti, della salute dei cittadini e della salvaguardia del territorio”.

INTANTO DAL PRESIDIO – No Discarica Divino Amore, non mancano gli appuntamenti di sensibilizzazione nei quartieri e nei comuni limitrofi al sito della Ecofer. È infatti previsto per oggi alle ore 18.00 un incontro ad Albano, mentre domenica alle ore 21 si terrà un dibattito su tematiche ambientali ed esperienze di lotta direttamente al Presidio sull’Ardeatina.

Leonardo Mancini