Home Municipi Municipio IX

EUR: il rilancio passa dalla luce

SHARE
eurOpereRID

Lanciato il concorso Urban LightScape per trasformare il volto del pentagono

IL CONCORSO D’IDEE – L’architettura dell’EUR valorizzata attraverso un adeguato sistema di illuminazione. È questo il tema del concorso internazionale d’idee Urban LightScape, lanciato dall’Associazione Italiana Illuminazione (AIDI) con CNA PPC (Consiglio Nazionale Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori) e con l’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Roma e Provincia (Area Concorsi), in collaborazione con PLDC (Professional Lighting Design Convention 2015), APIL (Associazione Professionisti Illuminazione), MLD (Master in Lighting Design) e Università Roma Tre. Tra i partner, Roma Capitale (Assessorato Trasformazione Urbana) ed Eur S.p.A.

GLI OBIETTIVI – Il progetto si pone l’obiettivo di sottolineare le peculiarità architettoniche dell’EUR attraverso la luce. “La sfida per i progettisti è ideare il concept di un nuovo sistema d’illuminazione che, esteso all’ambito pubblico, artistico e ambientale, renda intellegibile la città storica e crei connessioni tra la componente storica e quella moderna del quartiere, in una dimensione urbana contemporanea – spiega l’AIDI – Viene chiesto ai progettisti di ideare progetti in una ottica di Smart City finalizzata alla valorizzazione del territorio e del patrimonio architettonico ereditato dall’E42, delle attività culturali e di quelle commerciali”. La consegna degli elaborati è fissata per il 25 settembre, mentre la premiazione per i migliori progetti è prevista per il prossimo 30 ottobre. Al primo classificato andranno 10.000 euro, 5.000 al secondo e 2.500 al terzo.

LA PRESENTAZIONE – Il concorso è stato presentato ufficialmente all’auditorium dell’Ara Pacis, alla presenza dell’assessore alla Trasformazione Urbana, Giovanni Caudo. “L’EUR ha una spiccata vocazione: la qualità architettonica, il verde, le sue istituzioni culturali, a cominciare dall’Archivio di Stato, tutti valori che conferiscono unicità al progetto di un polo del turismo congressuale che faccia da motore per lo sviluppo di Roma e del paese – ha detto Caudo in una nota – Oggi Roma è al 21mo posto nella classifica del turismo congressuale in Europa e stiamo lavorando per superare questo gap”.

LE OPERE DELL’EUR – La presentazione del progetto è stata anche l’occasione di approfondire la situazione di alcune delle opere incompiute dell’EUR. In primis le ex Torri delle Finanze, per le quali, secondo Caudo, la scelta di Telecom rappresenta un’occasione di rilancio: “Presto il paesaggio desolato delle torri ‘scorticate’ sarà sanato, una scelta lungimirante che guarda al prestigio del contesto dell’E42 – continua Caudo – L’altro fronte è quello della Nuvola di Fuksas che sarà completata grazie all’offerta d’acquisto di alcuni edifici di Eur Spa da parte dell’Inail”. Qualche parola sul futuro della Nuvola è stata espressa anche dal presidente di Eur Spa, Pierluigi Borghini: “I lavori alla Nuvola proseguono e ogni settimana facciamo il punto. Siamo all’89% e fra 10 mesi dovremmo farcela a completare i lavori. Poi per inaugurarla e renderla fruibile ci sarà un altro percorso di tipo burocratico che però non dipenderà più da noi”.

Le Ma

SHARE